spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 29 Gennaio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    L’ha “cantata” domenica 27 aprile nella chiesa della parrocchia del Sacro Cuore

    TAVARNUZZE (IMPRUNETA) – Un paese in festa, domenica 27 aprile, per la prima Messa "cantata" da don Pierre Mvubu Babela, che davanti ai fedeli ha concluso un percorso (quello de Seminario e della nomina a sacerdote) per aprirne uno tutto nuovo ed emozionante.

     

    Don Pierre nasce in Congo l'11 aprile 1967: viene accompagnato nel suo percorso di fede dalla famiglia, in particolare dalla madre.

     

    Nel 1990 entra nell'ordine dei frati francescani e nel 2001 si traferisce in Italia. Vive a Roma e a Napoli e, come piace dire a lui, "rinasce" a Tavarnuzze otto anni fa. Un paese al quale è legatissimo, che lo ha accompagnato lungo la sua strada di fede.

     

    Entra in Seminario a Firenze nel 2008 e fa servizio nelle parrocchie del Sacro Cuore a Tavarnuzze, Santa Maria all'Antella e San Felice a Ema.

     

    Il 13 ottobre 2013 è ordinato Diacono e il 26 Aprile 2014 è ordinato sacerdote dal cardinale Giuseppe Betori.

     

    Nel giorno dell'anniversario del suo Battesimo e della beatificazione di Papa Giovanni Paolo II e Papa Giovanni XXIII, ha "cantato" la sua prima Messa nella parrocchia di Tavarnuzze, domenica prossima sarà a San Felice a Ema.

     

    Erano presenti alla cerimonia, oltre a tutta la comunità tavarnuzzina che ha fatto sentire il suo caloroso affetto, i genitori e il fratello di Pierre. Che per la prima volta sono venuti in Italia.

     

    Don Pierre, buon cammino anche da parte della redazione del Gazzettino del Chianti.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...