spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 1 Marzo 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Lottizzazione troppo vicina al cimitero? Il sindaco risponde sul ricorso al Tar

    In merito alla realizzazione del nuovo insediamento edilizio a Pozzolatico e al ricorso presentato al Tar da un gruppo di cittadini, l’amministrazione comunale di Impruneta ricorda di "aver riconfermato, con l’approvazione del Regolamento Urbanistico, una delibera comunale del ’98. In tale delibera che a suo tempo è stata approvata all’unanimità e anche dai Verdi, si provvedeva a una definizione della distanza minima dai cimiteri che veniva stabilita in 100 metri per tutti, ad eccezione del cimitero di Tavarnuzze".

     

    "Questa riduzione – proseguono dal palazzo comunale di piazza Buondelmonti – è stata decisa prima  dell’introduzione delle nuove normative ed è poi quella che è rimasta nel Regolamento Urbanistico. L’amministrazione comunale quindi non ha modificato i limiti introdotti con la delibera del ’98 ed è convinta di aver seguito l’iter giusto".

     

    “Fra l’altro – sottolinea il sindaco Ida Beneforti – nell’iter del Regolamento Urbanistico non ci sono state osservazioni in questo senso né da parte della Regione né da parte della Asl ma solo una dei Verdi. Anzi è scaduto il termine dei 60 giorni entro i quali la Regione poteva controdedurre e non sono arrivate controdeduzioni".

     

    "Il Regolamento ad oggi – ricorda in conclusione il sindaco – è attivo e trova riconfermate le modifiche che l’amministrazione ha fatto per venire incontro alle osservazioni dei cittadini e della Regione. Un risultato importante che permette agli operatori e ai cittadini di utilizzare appieno le nuove previsioni e le norme del Regolamento Urbanistico”.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...