spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 1 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Da Tavarnuzze la segnalazione: “Buche, crepe, erbacce, niente marciapiedi…”

    TAVARNUZZE (IMPRUNETA) – Si sa, i Comuni con le poche risorse a disposizione spesso sono praticamente costretti a lasciare indietro lavori di manutenzione su chilometri e chilometri di strade comunali.

     

    Ma i cittadini, a ragione, non si rassegnano. E chiedono che almeno su situazioni che hanno radici nel passato più "profondo" sia fatto qualcosa di concreto. E' il caso di via Filippo Turati, a Tavarnuzze.

     

    "Segnalo – scrive a questo proposito un nostro lettore, Andrea Sorrentino – il totale abbandono da parte dell'amministrazione comunale di Impruneta, del primo tratto di via Filippo Turati a Tavarnuzze, ovvero quello che va da via Montebuoni a via Palmiro Togliatti".

     

    "Sottolineo – evidenzia – che tutte le vie circostanti sono state oggetto di sistemazione di marciapiedi e asfaltatura nel corso degli ultimi anni, mentre questo tratto, benché molto transitato (qui convergono infatti i due sensi di circolazione di via Montebuoni), sia da sempre in stato di abbandono".

     

    "Buche e crepe nel fondo stradale – conclude – che fanno sobbalzare auto e furgoni con grande fracasso, erbacce, e soprattutto marciapiedi inesistenti che mettono a repentaglio la vita di bambini ed anziani".

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...