spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 26 Febbraio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Servizio Civile Universale 2023-2024: opportunità anche alla Misericordia di Impruneta

    Il termine per poter presentare la propria candidatura è fissato per il 15 febbraio 2024: tutte le info

    IMPRUNETA – Anche la Misericordia di Impruneta offre la possibilità di lavorare presso l’associazione, aderendo al bando del Servizio Civile Universale 2023-2024.

    È stato pubblicato online il bando di concorso. Opportunità da non perdere per giovani che hanno età compresa tra i 18 ai 29 anni.

    L’attività sarà retribuita e impegnerà per 25 ore settimanali, dando la possibilità di continuare percorsi di studio e/o lavoro.

    Il termine per poter presentare la propria candidatura è fissato per il 15 febbraio 2024.

    “Nella nostra associazione – dicono dalla Misericordia di Impruneta – gli operatori del Servizio Civile saranno formati e impiegati per attività di assistenza alla persona e soccorso sanitario”.

    Per conoscere il progetto e le modalità di adesione è necessario consultare l’area “Bando giovani 2023” sul sito di Misericordie d’Italia (qui).

    Per avere informazioni sul progetto, contattare la segreteria della Misericordia imprunetina: 0552011088, 0552312288.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...