spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 6 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Il Pd si dissocia dal sondaggio che sta facendo infuriare uno dei due candidati alle primarie

    Mette le mani avanti il Partito democratico di Impruneta, negando subito di aver a che fare con il sondaggio telefonico che ha fatto letteralmente infuriare uno dei due candidati alle primarie del Pd del 7 aprile, Alessio Calamandrei (clicca qui per leggere l'articolo).

     

    "Alcuni cittadini di Impruneta – si legge in una nota – sono stati chiamati per un sondaggio telefonico, pare da una società che ha posto alcune domande in merito alle prossime elezioni amministrative di Impruneta, una di queste riguardava i candidati sindaco di vari partiti, di cui uno riconducibile al Pd".

     

    Ed è qui che sta l'arrabbiatura di Calamandrei, visto che nelle possibili scelte si fa solo il nome del suo "competitor" del 7 aprile, Marco Pistolesi. "Tanto che alcuni cittadini mi hanno pure chiamato per chiedermi se mi fossi ritirato dalle primarie" ha spiegato Calamandrei (in foto sopra con Joele Risaliti, vicesindaco nel caso di vittoria alle primarie e alle elezioni) al Gazzettino. E non ha escluso di sporgere denuncia contro ignoti.

     

    "Come è noto – sottolineano a questo proposito dal Partito democratico imprunetino – il Pd ha due candidati i quali andranno alle consultazioni primarie il 7 di aprile prossimo e solo allora si saprà chi è il candidato. E’ evidente come il Pd non possa aver fatto alcun nome. Pertanto il Pd di Impruneta si dissocia fermamente, e con altrettanta fermezza prende le distanze dichiarandosi estraneo all’iniziativa".

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua