spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 3 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    L’iniziativa della pizzeria imprunetina (le pizze-rione) sta raccogliendo tantissime adesioni

    IMPRUNETA – Si può scegliere fra quattro pizze, ciascuna delle quali dedicata a uno dei quattro rioni dell'Impruneta: fino al giorno della sfilata dell'ottantaseiesima Festa dell'Uva (domenica 29 settembre) la Pizzeria Nyx di Impruneta destinerà 50 centesimi a pizza alla Fondazione Meyer di Firenze.

     

    Ma vediamo meglio. C'è la pizza Sante Marie (pomodoro, mozzarella, salsiccia e salamino piccante); la pizza Fornaci (mozzarella, prosciutto crudo e pomodoro fresco); la pizza Sant'Antonio (mozzarella, speck e mascarpone); la pizza Pallò (pomodoro, mozzarella, 'nduja, funghi, rucola).

     

    Costano tutte 8 euro l'una e, come detto, 50 centesimi di euro a pizza vengono devolute dalla Pizzeria Nyx, che ha organizzato l'iniziativa assieme ai quattro rioni, alla Fondazione Meyer.

     

    Nella foto in alto vedete il tabellone… aggiornato: a pari merito, le pizze che riscuotono maggior successo sono quelle delle Sante Marie e del Sant'Antonio (scelte 76 volte ciascuna). Seguono Pallò (66) e Fornaci (63).

     

    Ma c'è tempo fino al 29 settembre per operare sorpassi e contro-sorpassi. E, soprattutto, per fare beneficenza.

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...