spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 8 Agosto 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    A1: in quel taglio del nastro la distanza siderale con il mondo reale

    Ci vuole coraggio a inaugurare un'opera "zoppa", mentre le chiusure improvvise per i lavori nelle gallerie hanno "incasinato" le vite di decine di migliaia di persone

    Io penso che quando si finisce un’opera pubblica sia giusto che le istituzioni ne celebrino il termine e la messa a disposizione della collettività.

    Sono soldi dei cittadini, sono opere a disposizione dei cittadini.

    Ma ci sono situazioni e momenti che dovrebbero suggerire, quanto meno, una riflessione. Del buon gusto. Mostrare che si capisce che c’è momento e momento.

    Ieri, venerdì 30 luglio, è stato inaugurato il primo lotto della terza corsia Firenze Sud-Firenze Incisa.

    Al di là di tutte le problematiche e le contestazioni all’opera in quanto tale (in particolare per quanto riguarda l’Antella), su cui non mi soffermo in questo caso, e sui tempi per la sua realizzazione, mi chiedo se i vertici di Autostrade (e a cascata anche le istituzioni presenti, Regione e Comuni) abbiano minimamente capito quanto disagio stiano vivendo le persone che si trovano a dover avere a che fare con i lavori iniziati a giugno in questo tratto autostradale.

    Un disagio pesante, continuo, diffuso.

    Sia per chi utilizza il tratto Fi Sud-Fi Nord come “tangenziale” alla città di Firenze; sia per chi arriva dalle zone limitrofe e la deve utilizzare per lavoro (pendolari, auto trasportatori, corrieri…).

    I lavori nelle gallerie fino a fine agosto, le due rampe chiuse a Firenze Impruneta, le modalità con le quali Autostrade ha avviato questi cantieri (che hanno fatto infuriare anche i sindaci) sono ben vive nella quotidianità di tanti.

    E allora ecco che in questo brillante momento, Autostrade inaugura in pompa magna un’opera zoppa.

    Definendo, caso mai ce ne fosse ancora bisogno, la distanza siderale con i cittadini e le comunità locali.

    Dispiace che le istituzioni si siano prestate (certo, non potevano fare altrimenti) a questo taglio del nastro.

    Ma dispiace soprattutto che nell’occasione nessuno (delle istituzioni stesse) abbia ri-messo i puntini sulle i, su questi lavori partiti all’improvviso, e che tanti disagi stanno causando. Richiamando Autostrade a rispettare alla lettera le scadenze.

    Neanche il presidente della Regione Eugenio Giani, che nei giorni roventi delle chiusure su Firenze-Impruneta e delle code interminabili, non ha speso (almeno pubblicamente) mezza parola sulla questione.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...