spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 27 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Radda in Chianti, rubata la targa degli anni Venti. L’appello del Comune: “Se avete visto contattate le autorità”

    "Oggi questi cartelli, che vennero posizionati dal Touring Club come opera di dignità e utilità nazionale, se sono sopravvissuti hanno circa 90-100 anni"

    RADDA IN CHIANTI – L’appello lo fa la stessa amministrazione comunale di Radda in Chianti.

    Ed è relativo, purtroppo, a un furto-atto vandalico. Come, purtroppo, ne documentiamo con (troppa) assiduità.

    Questo però è un po’ particolare. Va a colpire l’identità locale.

    “La storica targa del Touring realizzata negli anni Venti ora non c’è più – dicono dal Comune di Radda in Chianti – è stata rubata da sconosciuti”.

    “Nel 1897 – racconta l’amministrazione comunale raddese – il Touring mise i primi 100 pali indicatori”.

    “Dieci anni dopo saranno quasi mille – ricordano – e il Touring li collocò in tutte le province come opera di… dignità e utilità nazionale”.

    “Oggi – aggiungono – questi cartelli, se sono sopravvissuti, hanno circa 90-100 anni. E salvo casi fortunati, non versano sempre in perfette condizioni”.

    “Anche se – precisano – tenendo conto degli anni, sono la testimonianza dell’uso di materiali di ottima qualità”.

    “Se qualcuno avesse notato o visto qualcosa – è l’appello finale – lo faccia presente alle autorità”.

    Radda in Chianti

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...