spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 27 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “Radda nel Bicchiere 2021”, un’edizione mignon in attesa della grande festa per il 25°

    Un’occasione da non perdere per gli amanti del Chianti Classico e un momento di convivialità all’insegna dell’ottimismo. Venerdì 3 e domenica 5 settembre

    RADDA IN CHIANTI – Aspettando di spengere la candelina per il quarto di secolo della festa raddese, la ProLoco di Radda in Chianti non rinuncia al tradizionale appuntamento rispettando tutte le norme vigenti. 

    Un’edizione mignon quella 2021 di “Radda nel Bicchiere” che dopo un anno di assenza, causa Covid, torna a far tintinnare i bicchieri in attesa di poter festeggiare a dovere il 25° anniversario della manifestazione vinicola.

    Sono due gli appuntamenti che la ProLoco ha messo in cartellone “Aspettando Radda nel Bicchiere”, a numero chiuso e nel rispetto delle norme vigenti, per un totale di ottanta posti disponibili e circa venticinque etichette in degustazione in Piazza Francesco Ferrucci, nel centro di Radda in Chianti.

    Un’occasione da non perdere per gli amanti del Chianti Classico e un momento di convivialità all’insegna dell’ottimismo. Per due sere la piazza di Radda tornerà a profumare di vino e a dare gioia ad occhi naso e palato.

    Si parte venerdì 3 settembre alle 20 con la degustazione in compagnia dei produttori Castello di Albola, Podere Capaccia, Castello di Monterinaldi, Erta di Radda, Borgo Salcetino, Montevertine, Poggerino, Podere l’Aia, Castello di Radda, Campomaggio, Il Barlettaio, Livernano e Campaccio.

    Domenica 5 settembre, sempre alle 20, saranno serviti nei bicchieri Istine, Brancaia, Colle Bereto, Terra Bianca, Podere Terreno, Monteraponi, Caparsa, Pruneto, Val delle Corti, Fattoria Vigneti La Selvanella, Montemaggio e Poggio alla Croce.

    Le degustazioni saranno accompagnate da schiacciata toscana, assaggi di salumi e pappa al pomodoro, il costo è di 30,00 euro ciascuna.

    Soltanto quaranta i posti disponibili, ben distanziati, per ogni appuntamento, per questo è fondamentale la prenotazione presso la ProLoco di Radda in Chianti scrivendo a proradda@chiantinet.it specificando la data a cui si vuole partecipare. 

    Una volta ricevuta conferma della disponibilità sarà necessario effettuare immediatamente un bonifico alla Proloco e inviare la contabile via mail per confermare la prenotazione.

    L’organizzazione si riserva di cancellare la richiesta di prenotazione se entro le 24 ore non è pervenuta la contabile del bonifico.

    Intestatario del conto: Proloco di Radda in Chianti

    IBAN: IT82 W010 3071 9500 0000 0236 814

    Causale: Specificare la data della degustazione scelta, il numero dei partecipanti e il nome. (Esempio: 03.09.21 – 2 persone – Sig. Rossi)

    E’ consigliato l’arrivo in loco circa trenta minuti prima dell’inizio delle degustazioni per le pratiche di registrazione. Nell’eventualità che restino delle postazioni libere sarà possibile registrarsi e saldare sul momento.

    Partecipano all’organizzazione l’Amministrazione Comunale e le associazioni Vignaioli di Radda, Raddattiva, Confraternita di Misericordia, Racchetta e il Consorzio Chianti Classico.

    Altre info su www.raddanelbicchiere.net
    www.facebook.it/raddanelbicchiere 

    @RIPRODUZIONE RISERVATA 

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...