spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 29 Novembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “Quando l’attivazione a Mercatale?”. Viviani: “Dipende tutto da Telecom”

    Ci chiede "informazioni riguardo a quando sarà attiva, e se sarà attiva, la banda larga anche a Mercatale".

     

    "I lavori di cablaggio – ci scrive il nostro lettore Lorenzo Musciotto – sembrerebbero terminati ma ancora non credo che sia stati collegati alla centralina. Spero che non si blocchi tutto, quando sembra ormai in dirittura d'arrivo: credo che parte dipenderà da Telecom, ma spero che da parte degli organi del Comune ci sia un sollecito".

     

    Nei nostri territori, in particolare nelle campagne e nelle frazioni, la questione della banda larga e dell'accesso a connessioni internet rapide, efficienti e con un buon rapporto qualità-prezzo è questione annosa.

     

    Lo sa bene Donatella Viviani, assessore all'innovazione teconologica del Comune di San Casciano, che segue con attenzione la tematica e alla quale abbiamo girato la domanda del lettore-cittadino.

     

    "Il signor Musciotto – risponde Viviani – ha individuato perfettamente il problema. La posa dei cavi in fibra ottica nel nostro comune è praticamente terminata, e il tratto fra San Casciano e Mercatale sarà collaudato a breve. Il problema rimane Telecom: ovvero se e quando si deciderà ad adeguare le cabine telefoniche ed a collegare i cavi".

     

    Per quanto riguarda l'attività di pressing istituzionale, Viviani ricorda che "dallo scorso dicembre il Comune sta sollecitando Telecom per avere una risposta, purtroppo, senza ottenere esiti positivi".

     

    "Ricordo tuttavia – conclude indicando una possibile alternativa – che Mercatale è da tempo coperta dalla rete wi-fi, gestita oggi dalla società Antea, che opera in Toscana con il marchio Toscocom".

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...









    I Cammini dell'Acqua