spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 3 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Algerino di 42 anni arrestato dai carabinieri della Stazione di San Casciano

    Durante un periodo di condanna (per detenzione illecita stupefacenti) aveva incendiato la propria cella

    SAN CASCIANO – Algerino arrestato dai carabinieri della Stazione di San Casciano, in esecuzione di ordinanza emessa dal Tribunale di Firenze per danneggiamento.

     

    Nel pomeriggio di ieri, venerdì 17 novembre, i carabinieri della Stazione di San Casciano, durante un servizio del controllo del territorio, hanno arrestato un cittadino algerino, T.M. 42enne, poiché nei suoi confronti gravava un provvedimento di carcerazione, emesso dal Tribunale di Firenze per il reato di danneggiamento a seguito di incendio, commesso a Firenze l’8 marzo 2008.

     

    L'uomo, durante il periodo di pena presso la il carcere di “Sollicciano” (pena inflitta per detenzione illecita di sostanze stupefacenti), aveva incendiato la propria cella.

     

    La richiesta di detenzione domiciliare avanzata dall’algerino è stata rigettata dal Tribunale di Firenze poiché i carabinieri della Stazione di San Casciano avevano comunicato che lo stesso non aveva un lavoro stabile e viveva di espedienti.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...