spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 3 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    A partire dalle 20.45 presso il Teatro Dante: quasi 12mila soci, oltre 66mila clienti

    SAN CASCIANO – Assemblea dei soci per ChiantiBanca. L’appuntamento è in programma per questa sera (alle 20.45) al Teatro Dante di Campi Bisenzio.

     

    I soci della banca saranno chiamati ad affrontare un ordine del giorno che prevede due punti: andamento aziendale e comunicazioni della presidenza. 

     

    ChiantiBanca (nata dalla fusione per unione tra la Banca di Credito Cooperativo del Chianti Fiorentino e la Bcc Monteriggioni e dopo l’acquisizione del Credito Cooperativo Fiorentino) rappresenta oggi una delle maggiori realtà all’interno del panorama del credito cooperativo italiano, con oltre 66mila clienti, quasi dodicimila soci (11.900) e 38 filiali dislocate in diciannove comuni di quattro differenti province toscane.

     

    Numeri ai quali si aggiungono le stime previste per la fine del 2013, che verranno illustrate in sede di assemblea dal direttore generale, Andrea Bianchi.

     

    Seppur con tutte le cautele del caso ed in attesa dei dati definitivi – che arriveranno soltanto con il 31 dicembre prossimo – il Core Tier one è atteso intorno al 13,2 per cento, con un patrimonio di vigilanza di circa 216 milioni di euro, una raccolta diretta che potrebbe attestarsi intorno a 1,815 miliardi ed impieghi che che dovrebbero risultare a circa 1,615 miliardi.

     

    "Dati che – dicono dall'istituto di credito – se confermati a fine anno, rappresentano un’ulteriore conferma della solidità e dell’affidabilità di ChiantiBanca, istituto leader e dal forte legame con i territori sui quali opera".

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...