spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 5 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Bollette più care, Lumachi: “Quali interventi deve fare Publiacqua a San Casciano?”

    L'interrogazione della consigliera di Forza Italia: "Nel territorio abbiamo avuto spesso rubinetti a secco"

    SAN CASCIANO – Le bollette dell'acqua sono rincarate, nonostante i tanti guasti alla rete idrica che hanno messo a secco i rubinetti più volte nel territorio di San Casciano: la consigliera comunale di Forza Italia, Maria Teresa Lumachi chiede chiarimenti al sindaco: "Nel piano delle opere di Publiacqua sono compresi i lavori per la frana del lungarno Torrigiani a Firenze? E quali sono gli interventi  (e per quali importi) programmati da Publiacqua per il Comune di San Casciano?"

     

    Lumachi parte dalla considerazione che: "L’assemblea dei sindaci dell’Autorità idrica toscana (Ait) ha approvato le nuove tariffe dei gestori, votando incrementi della tariffa, per quanto riguarda Publiacqua, pari al 3,98% per il 2016, al 2,5% per il 2017 ed al 3,8% per il 2018 ed il 2019, aumenti che graveranno sulle bollette di tutti i cittadini sancascianesi".

    Continua Lumachi: "Gli aumenti sono stati giustificati con la copertura totale degli investimenti previsti dal piano di Publiacqua da qui al 2020 ma alcuni sindaci, come quello del Comune di Pistoia, si sono astenuti perché critici verso la gestione del servizio, con particolare riferimento al gap fra la tariffa, fra le più alte d’Italia ed il servizio fornito, con proposte di ripensamento sul rinnovo della convenzione con Publiacqua al momento della scadenza dell’attuale (prevista per il 2021), valutando fin da adesso altre possibilità come, ad esempio, nel rispetto del risultato referendario del 2011 sulla previsione del ritorno alla gestione pubblica, la possibilità di gestione in house del servizio".
     

     

     

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...