spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 5 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    All’altezza del Bargino: nessun segno che possa far pensare all’attacco di un lupo

    All'inizio si era pensato che l'animale potesse essere stato ucciso da un lupo, visto che nei dintorni della zona del ritrovamento le segnalazioni sulla presenza di lupi sono ormai un dato di fatto.

     

    In realtà pare però che il capriolo rinvenuto da un tecnico del Consorzio di Bonifica della Toscana Centrale in alveo del torrente Pesa, fermo alla traversa del Bargino (vedi foto), probabilmente è stato trasportato lì dalla corrente con le piogge degli ultimi giorni.

     

    Il corpo era in avanzato stato di putrefazione ma senza particolari segni di ferit,e per cui  sarebbe da escludere ogni collegamento con gli avvistamenti e le notizie relative alla presenza di lupi in zona degli ultimi giorni. Il capriolo è stato rimosso dall’alveo con i mezzi del Consorzio e consegnato a Quadrifoglio per lo smaltimento.

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua