spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 25 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Sono iniziate in maniera spettacolare le celebrazioni per i 500 anni de “Il Principe”

    A distanza di 500 anni, in una Firenze molto diversa da quella del 19 febbraio 1513 (giorno in cui un gruppo di banditori percorrevano ben cinquanta tra vie e piazze per proclamare ai cittadini il bando di cattura nei confronti di Niccolò Machiavelli), puntuale alle 15.30 del 19 febbraio, un banditore a cavallo vestito con costume dell’epoca, armato di spada e pergamena, è partito da Palazzo di Parte Guelfa “gridando” il bando, seguito dal corteo storico del Comune di Firenze.

     

    Si tratta della prima iniziativa nell'ambito delle celebrazioni per i 500 anni dalla stesura de "Il Principe" (clicca qui per leggere l'articolo). In testa al corteo il presidente del Comitato Valdo Spini e il professor Stephen Milner che ha ritrovato il bando originale. La sfilata ha attraversato Ponte Vecchio, piazza Santa Felicità, piazza della Signoria, via Calzaioli e infine il Bargello, luogo in cui Niccolò Machiavelli fu rinchiuso e torturato. Per poi essere mandato in esilio a Sant’Andrea in Percussina (San Casciano): dove iniziò la storia de "Il Principe"… .

    di Antonio Taddei

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...