spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 23 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “Che bella storia la vita”, ieri terza proiezione al Cinema Everest di San Casciano: ancora tantissimi in platea

    Prosegue il tour del film con protagonista il sancascianese Roberto Caneschi: serata di "gala" il 14 giugno, al Cinema Principe di Firenze. Ci sarà anche Sandra Milo

    SAN CASCIANO – Proseguono, sempre con una grande presenza di pubblico, le proiezioni del film “Che bella storia la vita” anche nel nostro territorio.

    Ieri, mercoledì 31 maggio, è stata la volta della terza proiezione al Cinema Everest di San Casciano.

    Qui, dove il 16 maggio si è tenuta la prima nazionale, ancora una volta platea piena di persone venute a vedere questa piacevole commedia toscana, con tantissimi legami con il territorio chiantigiano.

    Presenti il regista, Alessandro Sarti; il sancascianese Roberto Caneschi, dal quale è partito… tutto; Sergio Forconi, che a San Casciano (in Pisignano) è anche nato; Giovanni Lepri.

    Prima e dopo la proiezione hanno raccontato al pubblico come è nato questo progetto, alcuni retroscena e battute tutte da ridere.

    Se volete rimanere continuamente aggiornati su date e proiezioni, oltre che su curiosità e quant’altro, potete seguire la pagina Facebook qui.

    La prossima serata “di gala” in programma è prevista per il 14 giugno, al Cinema Principe di Firenze: dove sarà presente anche Sandra Milo.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...