spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 27 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Il film denuncia la difficile situazione delle donne in molte aree dell’India

    SAN CASCIANO – Solito appuntamento appuntamento infrasettimanale al cinema teatro Everest di San Casciano: domani, mercoledì 27 novembre, ritorna il cineforum "Io amo il cinema".

     

    Alle 21.15, in occasione della Giornata Mondiale contro la Violenza sulle donne, "Gangor", di Italo Spinelli, una coproduzione italo indiana con cast artistico reclutato interamente sul luogo e un film che rischia di non essere proiettato in India per la presunta "scabrosità" del tema trattato.

     

    "Gangor" è tratto dal racconto di Mashasweta Devi (che ha anche curato la sceneggiatura del film) "Cos’hai dietro il corsetto, che hai?", forte atto di denuncia sulla difficoltà della situazione delle donne in molte aree dell’India.

     

    Le aree in cui sono perpetrate molte violenze non sono in campagna e neppure in città. Sono in una strana via di mezzo, in cui i valori contadini, in cui la donna madre è oggetto di grande rispetto, si incontra con il degrado urbano ribaltando ogni forma di giudizio in pura brutalità… .

     

    Info: www.cinemateatroeverest.it.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...