spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 6 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Sembra che l’enorme spazio abbia trovato un affittuario: lavori al via dopo Ferragosto

    SAN CASCIANO – Un super store di abbigliamento, dedicato soprattutto alle grandi marche della moda, gestito da imprenditori cinesi: pare essere proprio questo il destino dello spazio dove in passato aveva sede la Fiat Lastraioli, all'ingresso di San Casciano arrivando da Firenze.

     

    E se ancora non ci sono le conferme ufficiali, quelle ufficiose danno ormai per quasi certa questa soluzione: basta poi vedere (scorrendo la fotogallery qui sopra realizzata da Antonio Taddei) la lampada che è stata installata per dare un po' di luce ai locali, e abbiamo un'ulteriore… conferma.

     

    Insomma pare proprio che il proprietario, Maurizio Lastraioli, che si è ritrovato con questo enorme spazio (parliamo di migliaia di metri quadri) vuoto nel momento peggiore del mercato immobiliare, abbia trovato (finalmente per lui) un affittuario.

     

    Di imprenditori cinesi in quell'area si era già parlato in passato, quando però sembrava che potesse interessare ad altri: al Consorzio Vino Chianti Classico (poi trasferitosi alla Sambuca), alla Cooperativa di Legnaia, ad altri auto concessionari.

     

    Si erano fatti timidamente avanti anche imprenditori interessati a installarvi una sala slot, ma in questo caso era stato il Comune di San Casciano a non essere proprio… d'accordo.

     

    Ma non se n'era mai fatto niente. Adesso invece pare proprio che la direzione sia quella definitiva, tanto che dopo Ferragosto dovrebbero iniziare i lavori per realizzare questo super store di abbigliamento. Che, siamo sicuri, a San Casciano non mancherà di sollevare mugugni… .

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...