spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 26 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Nuovo consiglio al circolo Arci di San Casciano: Danilo Malquori presidente

    Prende il posto di Mauro Cresti. Tutti i nomi dei componenti della "sala operativa" della casa del popolo

    SAN CASCIANO – E' Danilo Malquori, 65 anni, il nuovo presidente della casa del popolo di San Casciano. Prende il posto del presidente uscente Mauro Cresti dopo il rinnovo del consiglio del circolo Arci di via dei Fossi, avvenuto nei giorni scorsi.

     

    Cresti che, lo ricordiamo, aveva ricoperto la carica in seguito alla scomparsa improvvisa della "storica" presidente Lucia Bagni.

     

    Ecco, insieme a Malquori, i componenti del consiglio: Tommaso Alvisi, Alessandro Bandinelli, Fabrizio Bandinelli, Franco Bartolozzi, Olmo Becattini, Davide Borghi, Roberto Canonici, Manola Checcucci, Carlo Chiti, Luca Cioppi, Giovanni Fusi, Matteo Galletti, Guido Gamannossi, Tiberio Maestrini, Simone Magistri, Doriana Mori, Nicola Pasqualetti, Fabio Uspri.

     

    Inoltre, sono stati eletti anche nove soci come invitati permanenti alle riunione del consiglio direttivo.

     

    Si tratta di Andrea Albergati, Laura Berti, Francesca Lumachi, Sandro Matteini, Patrizio Mecacci, Silvano Piazzini, Enzo Rettori, Alessandra Semplici, Franco Spataro.

     

    "Al neo presidente Danilo Malquori – dicono dall'Arci sancascianese – facciamo il nostro in bocca al lupo per il grande e importante impegno che si presta a svolgere in questo mandato. Il nuovo consiglio e i soci ringraziano Mauro Cresti per l'impegno e il buon lavoro svolto in questi 15 mesi di presidenza dopo l'improvvisa scomparsa della cara Lucia Bagni".

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...