spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 27 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Al Teatro Niccolini Roberto Esposito analizza il binomio vita-politica. Ingresso libero

    SAN CASCIANO – “L’anno del Principe”, il ciclo di lezioni dedicate alla figura di Machiavelli e alla grande politica, promosso dal Comune di San Casciano in collaborazione con Editori Laterza, giunge al suo terzo appuntamento. Tema centrale dell’incontro di domani, sabato 2 novembre alle 17.30, presso il Teatro Niccolini, è l’Arte del Governo.

     

    Il compito di analizzare l’opera di Machiavelli e il suo stretto rapporto con il binomio vita-politica è affidato a Roberto Esposito, insegnante di Filosofia teoretica all’Istituto Italiano di Scienze Umane di cui è anche vicedirettore.

     

    Al centro dell’interesse di Machiavelli vi è il rapporto tra politica e vita, come dimostra l’uso frequente di una terminologia biologica per definire lo scenario politico.

     

    La sua idea di governo è diversa sia da quella della tradizione umanistica italiana sia dal concetto che diventerà il nuovo modello di sovranità. La sua più originale prospettiva, ancora attualissima, è costituita dalla relazione necessaria che istituisce tra "ordine" e "conflitto": il secondo, anziché essere elemento distruttivo del primo, ne è la sua condizione indispensabile.

     

    Ingresso libero. Info: 0558256388.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...