spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 25 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Nel 2016 avremo 170 neo 18enni: il 2 giugno 34 hanno ricevuto la Costituzione

    Ai giovani il sindaco Massimiliano Pescini ha consegnato una copia della Costituzione della Repubblica Italiana

    SAN CASCIANO – Sabato 4 giugno nella sala conferenze della biblioteca comunale, è stata consegnata dal sindaco di San Casciano Massimiliano Pescini, una copia della Costituzione della Repubblica Italiana ai giovani nati nel 1998. Che nel 2016 hanno compiuto o compiranno 18 anni.

     

    Nella lista sono 170 i neo diciottenni sancascianesi: di questi 34 hanno partecipato alla consegna. Alcuni accompagnati da genitori, sorelle, fratelli e amici.

     

    "Il 2 e il 3 giugno 1946 gli italiani andarono alle urne per scegliere la forma istituzionale dello Stato – ha spiegato il sindaco ai giovani molto attenti – scegliendo tra Repubblica e Monarchia. Scelsero a larghissima maggioranza e in queste zone addirittura con un plebiscito, la Repubblica. Oggi voi siete per questa Costituzione maggiorenni e acquisite tutte le prerogative che questa offre in tutti i suoi 54 articoli".

     

    I giovani che hanno ritirato la Costituzione: Gherardo Baldocci, Emma Becagli, Stephanie Belem, Rebecca Benelli, Matteo Boscaro, Giovanni Burroni, Gabriele Caiani, Sara Catarzi, Lucrezia Cellerini, Lorenzo Cini, Aurora Corsi, Soray Corsi, Sophie Dagenhart Culpepper, Sara Dei, Camilla Ercoli, Niccolò Fantappiè, Sofia Genova, Martina Gheri, Egor Gianni, Stefan Andrei Ilie, Simone Iuliano, Davide Lami, Lisa Loru, Cecilia Lotti, Niccolò Lotti, Edoardo NIgro, Claudia Nuti, Akiriti Paoli, Giulio Pierfederici, Miranda Puggelli, Agnese Rettori, Elisa Righetti, Federico Sabatini, Arianna Tripodi.

    di Antonio Taddei

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...