spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 1 Luglio 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Dopo le fioriere… le panchine: abbattuta una di quelle in pietra (in viale Corsini)

    Davanti al palazzo comunale, pieno centro storico. Il conducente di un'auto l'avrebbe urtata e poi, senza curarsi del danno, sarebbe ripartito

    SAN CASCIANO – Purtroppo dopo i vasi delle fioriere del centro storico, in buona parte “abbattute” accidentalmente, per distrazione di chi guida, nella mattina di oggi, giovedì 2 dicembre, è toccato a una panchina in pietra.

    E’ quella posta sul marciapiede di viale Corsini, davanti alle strisce pedonali (e al palazzo comunale). In pratica, all’inizio del centro storico del capoluogo.

    A “centrarla” in pieno è stato il conducente di un’auto, che aveva pensato di parcheggiare proprio lì.

    Come se non fosse successo nulla, sembra proprio che dopo il botto abbia ingranato la marcia indietro e sia ripartito.

    Senza curarsi del danno fatto: non solo alla panchina, rimasta in bilico come un trampolino, ma certamente anche al suo mezzo.

    Al momento non ci risulta che il conducente sia andato a fare la denuncia per il danno causato, mentre la polizia locale ha delimitato la panchina con il nastro bianco e rosso.

    Speriamo in un ravvedimento del conducente: anche perché la telecamera all’angolo di via Machiavelli potrebbe aver ripreso il sinistro. 

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...