spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 5 Marzo 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Giovedì 23 novembre: a Montefiridolfi trova un porcino da quasi 600 grammi mentre va a caccia

    Un meraviglioso Boletus Aereus per Vincenzo Corti, "storico" alimentarista con la bottega in piazza

    MONTEFIRIDOLFI (SAN CASCIANO) – Era a caccia, insieme al suo cane, quando a un certo punto ha visto qualcosa con la coda dell’occhio che l’ha colpito.

    Per Vincenzo Corti, “storico” alimentarista con la bottega in piazza a Montefiridolfi, uno splendido ritrovamento, un super porcino uscito ormai quasi fuori tempo massimo.

    Nel Chianti fiorentino infatti, a differenza dell’anno scorso, la nascita di funghi, porcini in primis, non è stata copiosa.

    Qualcosa a Mercatale, qualcosa in zona Badia a Passignano o verso San Donato in Poggio. Poco altro.

    Trovare quindi questo bel porcino nero, un Boletus Aereus, di quasi 600 grammi (575 per la precisione, pesato… sulla bilancia in bottega) è stata quindi una bella sorpresa.

    E’ sanissimo, a differenza dei porcini del 2022, che anche in zona chiantigiana erano tutti compromessi dalle larve.

    Farà bella mostra di sé in bottega per tutta la mattina prima di… finire in tavola.

    E così, mentre qualcosa ancora si trova in altre zone della Toscana, dalla campagna e dai boschi montigiani si saluta l’annata fungina con questo super ritrovamento.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...