venerdì 7 Agosto 2020
Altre aree

    Giulia e Achille Luca: celebrato il primo matrimonio con mascherina in Comune a San Casciano

    Emozionati gli sposi, emozionata anche l'assessore Maura Masini che li ha uniti. Sono queste le belle notizie in tempi di pandemia

    SAN CASCIANO – E’ stata l’assessora Maura Masini a unire in matrimonio civile ,nella sala consiliare di San Casciano e in questo tempo di pandemia, Giulia Matteuzzi e Achille Luca Mereu.

    Tutti indossavano le mascherine sul volto e con il limite di parenti prescritto da regolamento.

    Non per questo la cerimonia non è stata emozionante, sebbene sotto le mascherine non si potessero vedere la gioia e il sorriso degli sposi. Hanno parlato i loro occhi.

    Giulia è arrivata al palazzo comunale in via Machiavelli accompagnata dal figlio Diego, mentre a varcare la porta della sala del consiglio è stata accompagnata dal padre.

    “Sono particolarmente emozionata – ha detto l’assessore Maura Masini – per questo bellissimo evento. Perché è il primo matrimonio che celebriamo in Comune con la mascherina. E perché si sposa Giulia, che con Achille Luca è stata costretta a rimandare il matrimonio fissato per aprile”.

    Subito dopo, la cerimonia è proseguita come da protocollo. Un po’ di imbarazzo, comprensibile, in occasione del bacio scambiato indossando la mascherina.

    Bacio che però ha avuto il suo classico impeto fuori dal palazzo comunale, quando la mascherina è finalmente “caduta” sotto il lancio del riso e dei petali di rose rosse. Con l’applauso di tutti i presenti.

    Mentre il piccolo Diego, finalmente, a fine cerimonia ha potuto gustarsi un bel gelato della gelateria “I Pini”. Dove lavora mamma Giulia.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...

    Sostengono Il Gazzettino