spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 11 Agosto 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Gli studenti danno nuova vita alla plastica. Piatti riciclati diventano addobbi per l’albero di Mercatale

    Gli studenti della primaria di Mercatale hanno decorato l'abete di piazza Vittorio Veneto realizzando addobbi ricavati da piatti di plastica

    MERCATALE (SAN CASCIANO) – Ci sono i desideri e gli auguri più teneri, scritti e disegnati negli addobbi natalizi ricavati dal riuso creativo della plastica. “Vorrei che la mia famiglia sorridesse sempre”, “Per Natale voglio stare con mio fratello”, “Il Natale mi piace perché Babbo Natale mi porta i regali”.

    A realizzarli gli studenti della scuola primaria “Carlo Collodi” di Mercatale che ieri mattina hanno appeso le loro decorazioni, insieme al sindaco Roberto Ciappi, tra i rami dell’albero che riempie di atmosfere natalizie piazza Vittorio Veneto.

    Piatti di plastica riciclati che diventano volti di elfi, pupazzi di neve e personaggi fantastici direttamente catapultati sulla Terra dal mondo di Babbo Natale arricchiscono il maxiabete che il Comune ha posizionato nel cuore della frazione.

    “Il modo migliore per prepararsi al Natale – dichiara il sindaco Roberto Ciappi – è vivere questi momenti di straordinaria freschezza e spontaneità insieme ai bambini e alle bambine del nostro territorio, che trasferiscono gioia e allegria con la loro creatività”.

    “Mi congratulo con tutti loro – conclude il primo cittadino – per la cura e la l’originalità degli oggetti che hanno impreziosito  i rami dell’albero di Natale, i miei apprezzamenti vanno anche alle insegnanti che attraverso progetti specifici stimolano gli allievi ad esprimere fantasia ed emozioni”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...