spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 3 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Cimitero di Mercatale: inaugurati 105 nuovi loculi e 100 ossarini

    Opera attesa da tempo. Il sindaco critico sulla ditta che ha eseguito i lavori: "Dovevamo essere qui due mesi fa"

    MERCATALE (SAN CASCIANO) – Inaugurati nei giorni scorsi al cimitero di via dei Cofferi a Mercatale 105 nuovi loculi e 100 ossarini, un’opera che da tempo i residenti della frazione aspettavano.

     

    Prima delle parole del sindaco Massimiliano Pescini, presenti anche gli assessori Elisabetta Masti e Roberto Ciappi, il parroco don Francesco Bolognesi ha benedetto i nuovi loculi.

     

    "Siamo qui a fare quello che avevamo sperato di fare un paio di mesi fa – ha detto il sindaco ai presenti – i lavori sono andati avanti a lungo perché la ditta non ha saputo corrispondere alle aspettative e ai controlli dell’amministrazione, così come non ha saputo controllare molto bene i subappaltatori, ma siamo riusciti a portare avanti i lavori".

     

    "Erano stati stanziati centotrentamila euro – ha spiegato – e alla fine la spesa è stata molto inferiore, ovvero abbondantemente sotto i centomila euro".

     

    "Per questo – ha annunciato – e vi prego di passare la notizia, attraverso le somme del ribasso d’asta, sia delle penali, sia del lavoro che è stato inferiore rispetto a quello che preventivavamo, abbiamo le risorse per inserire i marmi nei 105 loculi insieme ai 100 ossarini che saranno acquisiti dall’amministrazione".

     

    "Prevediamo – ha concluso – che fra un mese, un mese e mezzo, il marmista che si giudicherà l’appalto sarà possibile montare anche i marmi".

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...