spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 13 Agosto 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Incendio fra bosco e campo a Santa Cristina in Salivolpe: in fumo circa 4.000 metri quadri. Un volontario ferito

    Sul posto molte squadre de La Racchetta (dalle varie sezioni del territorio) e i vigili del fuoco del distaccamento di San Casciano. Zona delle fiamme difficile da raggiungere

    SANRA CRISTINA IN SALIVOLPE (SAN CASCIANO) – Incendio nel pomeriggio di oggi, venerdì 21 agosto, in via Malafrasca.

    Siamo in località Archipettoli, una contrada della piccola frazione di Santa Cristina in Salivolpe: il punto dove è partito l’incendio è stato individuato tra il bosco e un campo.

    A dare l’allarme sono stati i volontari de La Racchetta grazie alla telecamera di avvistamento: immediata dunque la partenza delle varie basi, San Casciano, Ferrone, Marciola, Montespertoli e Montelupo.

    Difficile arrivare al punto dell’incendio, raggiungibile solo con le jeep percorrendo campi e impervie strade di bosco.

    I volontari hanno dovuto faticare non poco prima di avere la meglio sulle fiamme, un vero inferno visto anche il grande caldo.

    Un volontario tra l’altro durante queste fasi si è ferito a un occhio: gli altri lo hanno fatto salire su una jeep e una volta portato sulla strada è stato accompagnato al pronto soccorso oculistico dell’ospedale di Careggi.

    E’ intervenuta anche una squadra dei vigili del fuoco di San Casciano, che hanno rifornito d’acqua gli equipaggi de La Racchetta.

    Più tardi è arrivata anche un’autobotte de La Racchetta, con base a Lastra a Signa. Circa quattromila metri quadri di bosco e campo sono andati distrutti.

    Sul posto anche i carabinieri forestali del 1515.  

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...