spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 26 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    La Pesa non esiste più. E lungo il suo corso spuntano anche preghiere appese per il torrente

    Risalendo da Cerbaia verso il Ponte Rotto, panorama desolante. E in un tratto c'è chi ha appeso disegni e frasi come una sorta di gesto d'amore

    SAN CASCIANO – E’, probabilmente, l’estate più drammatica per i nostri corsi d’acqua nel territorio del Chianti fiorentino.

    Pesa, Greve, Ema: ogni anno vengono sottoposti a uno stress totale. Ma quello di quest’anno è iniziato prestissimo, già in primavera.

    E sta andando avanti ad oltranza, raccontandoci corsi che, in pratica, non esistono più.

    Ci racconta ad esempio un nostro lettore, Simone Seoli, che “ho percorso il fiume Pesa, intendo proprio il greto del fiume Pesa, per circa 2 Km, da Cerbaia risalendo verso il Ponte Rotto”.

    “Lo spettacolo è triste – prosegue – purtroppo il fiume praticamente non esiste più”.

    “E c’è da pregare – dice ancora – che piova per davvero, perché l’habitat del nostro fiume non vada perduto o gravemente danneggiato”.

    “Ad un certo punto – ci dice ancora – ho visto delle strisce di stoffa, che ciondolavano dalle fronde di alberi, lungo il greto ed un bellissimo disegno”.

    “Ignoro gli autori – conclude – Molto probabilmente persone in cui abita un grande cuore”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...