spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 28 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Questa mattina trovato tutto sottosopra: cassetti rovesciati, porte sfondate

    SAN CASCIANO – Notte burrascosa quella appena passata alla scuola secondaria di primo grado “Ippolito Nievo”, in via della Libertà. Dove i ladri, dopo avere forzato una porta dal lato più nascosto della struttura, sono entrati all’interno frugando in ogni angolo e provocando danni al momento da quantificare.

     

    Amareggiato il dirigente scolastico Marco Poli che assieme ai collaboratori scolastici arrivati poco prima delle 7.30 hanno avuto l’amara sorpresa.

     

    La portineria era stata “rigirata”, cassetti aperti, chiavi per terra, alcuni spiccioli su un tavolo; al piano superiore sede della segreteria anche qui porte sfondate e tutto sottosopra. Così come l’ufficio del dirigente.

     

    I ladri erano in cerca solo di soldi, poiché non sono stati portati via i computer, ma hanno scardinato porte chiuse a chiave: dietro di queste nella maggior parte dei casi si trovavano solo… i bagni.

     

    Anche la palestra attigua alla scuola è stata visitata: qui sono riusciti a forzare una macchinetta con generi alimentari, portando via gli spiccioli.

     

    Sul posto i carabinieri della Compagnia di Scandicci, in quanto gli uomini della Stazione di San Casciano erano impegnati su altri servizi.

     

    "Ho scritto al dirigente scolastico Marco Poli – dice il sindaco di San Casciano Massimiliano Pescini – per manifestare tutta la mia vicinanza, a lui, agli insegnanti ai lavoratori e agli studenti dopo quello che è successo stanotte".

     

    "Quando si violano luoghi sacri come quelli scolastici – conclude il primo cittadino – c'è veramente da indignarsi. E da condannare con fermezza totale atti che minano gli spazi migliori della tenuta civile di una comunità e di un paese. Faremo del nostro meglio per far ritornare tutto alla normalità".

     

    Gli studenti, nonostante quanto avvenuto, hanno regolarmente fatto lezione, mentre il personale scolastico e gli operai comunali hanno cercato di rimettere a posto il tutto.

     

    Sicuramente non si tratta di un’incursione da parte di persone che conoscevano l’ambiente, anche perché non avrebbe avuto senso sfondare le porte dei bagni chiusi a chiave. Le indagini sono in corso.

    di Antonio Taddei

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...