spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 3 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Le opere di Francesco Nesi fino al 6 gennaio all’Osteria Il Gatto Re, nel centro storico di San Casciano

    Nell'ambito di una rassegna organizzata dal circolo culturale "La Volta"; inaugurata con l'illustrazione e recitazione di tre Canti de La Divina Commedia

    SAN CASCIANO – “Le emozioni dell’arte”. E l’emozione di ascoltare l’illustrazione e recitazione di tre Canti della Divina Commedia.

    E’ stata vissuta il 22 dicembre scorso all’Osteria “Il Gatto Re”, in via Machiavelli, nel centro di San Casciano.

    Un evento organizzato dal circolo culturale “La Volta” di San Casciano, che ha visto aprire i locali sottostanti all’Osteria, un luogo molto conosciuto dai sancascianesi di una certa età.

    Qui infatti, scendendo le scalette interne, si ritrovavano nel sottosuolo della pizzeria “Il caminetto”, attiva dal 1958 agli anni ’70 circa.

    A fare da cornice, la mostra personale del noto pittore nato a San Casciano, Francesco Nesi, che oggi vive e lavora nel comune di Barberino Tavarnelle. Che ha esposto alcune sue opere.

    Ma prima dell’inaugurazione il professor Roberto Cacciatori, con tutta la sua passione, ha illustrato tre Canti della Divina Commedia, magnificamente declamati da Giovanni Loi e curati dal professor Marco Catone.

    Al termine il presidente del circolo “La Volta”, Federico Marini, ha ringraziato tutti gli intervenuti, ricordando che la mostra “Le emozioni dell’arte” rimarrà aperta negli orari dell’Osteria Il Gatto Re, fino al 6 gennaio.

    In chiusura, presentazione e degustazione gratuita dei vini dell’Azienda Agricola Poggio Torselli, mentre Teleregione ha ripreso l’evento. 

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...