spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 5 Marzo 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    L’arte della legatoria nelle mani dei migranti ospiti nel comune di San Casciano

    Dal laboratorio artigianale alla realizzazione di libri, quaderni e agende. I migranti rilegano con gli studenti

    SAN CASCIANO – Tramandare una tradizione che a San Casciano si coltiva da decenni per insegnare un'arte e una passione che lega il mondo del libro alla manualità artigianale.

     

    Da un'ex insegnante come Stefania Mori e da uno storico artigiano della carta come Guido Lapini il sapere della cultura toscana si trasmette a Demba Kasse e Mamadou Djourma Diallo, due giovanissimi migranti ospiti del centro di accoglienza di San Casciano nell'ex Hotel Mary, nell'ambito del piano sostenuto dalla Prefettura di Firenze e gestito da Oxfam Italia.

     

    Iscritti ad un corso di legatoria artigianale per adulti e bambini, proposto nell'ambito dell'offerta culturale della biblioteca comunale, i ragazzi, ventenni, provenienti dal Senegal e dalla Guinea si sono appassionati a questa antica forma artigianale tanto da riuscire in un anno a realizzare a mano centinaia di libri, quaderni, agende.

     

    Dipingono le carte, scelgono e abbinano carta e tessuto in base alle fantasie, usano ago, filo, forbici e colle e il libro è fatto.

     

    Piccole opere d'arte delle quali i migranti sono creatori e realizzatori al fianco dei promootori dei laboratori, Stefania Mori e Guido Lapini, cittadino quest'ultimo che per tantissimi anni ha tenuto una nota bottega in Borgo Sarchiani.

     

    “Sono bravi e precisi – commenta Stefania Mori – con Demba e Mamadou parliamo, scambiamo opinioni, ci conosciamo, un'occasione per scoprire i talenti dei ragazzi e uno strumento che favorisce la loro integrazione nel nostro tessuto sociale e culturale”.

     

    “Il nostro percorso – commenta l'assessore alle politiche per l'integrazione Consuelo Cavallini – tende a valorizzare le capacità dei ragazzi e a metterle in relazione con la comunità, Demba Kasse e Mamadou Djourma hanno realizzato libri e insegnato a loro volta ai bambini della scuola primaria di Cerbaia strumenti e tecniche di legatoria, un'esperienza di grande valore sociale che continueremo a proporre nelle nostre scuole”.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...