spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 26 Febbraio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Con il progetto “Impara l’arte e mettila da parte” si aggiudica i mille euro messi in palio dal Comune

    SAN CASCIANO – Ha vinto la cultura del lavoro, quella che vuole promuoversi in classe, parlare ai ragazzi, farsi maestra di vita e di conoscenza per non essere dimenticata e portata via dalla crisi e dal tempo.

     

    Il mix tra tradizione toscana, manualità artigianale e formazione rivolta alle nuove generazioni è alla base del progetto culturale che ha conquistato la giuria tecnica e popolare del Teatro Niccolini "affacciato al palco di un teatro", nell’ambito della serata promossa dal Comune di San Casciano “Vivi il teatro da protagonista”.

     

    La prima edizione del "Palco delle Idee", concorso per il quale la giunta Pescini ha messo in palio un fondo pari a mille euro, è stata vinta da Cna Firenze con il progetto “Impara l’arte e mettila da parte” da realizzare nel 2015.

     

    L’obiettivo, espresso dai rappresentanti Susanna Belli, Omero Soffici, Stefania Matteuzzi, Roberta Tassini (in foto), è quello di ricreare in classe una vera e propria bottega artigiana proponendo un’alternanza di maestri falegnami, ceramisti, fabbri dotati di tutti gli attrezzi del mestiere, all’interno della scuola media Ippolito Nievo.

     

    “Una realtà culturale e storica – dichiarano – che rischia di scomparire: vorremmo che i ragazzi apprendessero attraverso un’esperienza diretta, in classe, per acquisire conoscenze di lavori artigianali, propri della cultura chiantigiana”.

     

    Il progetto è incentrato su tre concetti: l'arte del recupero, la conoscenza della tecnica e l’arte creativa come espressione del lavoro.

     

    “Il recupero degli oggetti – proseguono – permetterà di mostrare agli alunni come la globalizzazione abbia portato al principio generale di gettare per poter riacquistare, crediamo inoltre che la manualità debba riaffermarsi come pura espressione della creatività interiore, la mano serve a trasferire gli impulsi della logica ma anche quelli dell'anima”.

     

    Graditi dal pubblico e dall’amministrazione comunale gli altri dieci progetti con i quali le associazioni partecipanti si sono contese il “Palco delle Idee”.

     

    Hanno cercato di convincere il pubblico in sala presentando in tre minuti la propria idea vincente: Nuvole-Storytime con “Sins shopping in San Casciano”, Laboratorio Amaltea-Centro Danza Chianti con “Aiutiamo la danza”, Banda Oreste Carlini con “Noi non siamo la canaglia pezzente”, l’Accademia musicale di San Casciano con “I piaceri di Versailles”, Amici del Museo “Marcello Possenti” con “Il museo e la comunità”, Sgabuzzini storici, La Porticciola, Teatro dei Passi con “Le giornate di Mi ricordo…la caffettiera del Chianti”, Prima Materia con “Opera da tre soldi”, la Corale Claudio Monteverdi con “Percorsi tra natura, arte e musica”, Forma sensibile con “Sancaballa”, Spazioben con “La macchina del tempo”

     

    Per il sindaco Massimiliano Pescini “i progetti, presentati con passione e in forme innovative, avrebbero meritato tutti di vincere, e spero che molti vengano messi in campo lo stesso; riguardo all’idea vincitrice è emerso il tema dell’educazione al lavoro, e nei tempi in cui viviamo e vivremo mi sembra un segnale molto importante e consapevole dato dai nostri cittadini”.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...