venerdì 23 Ottobre 2020
Altre aree

    Il Premio Morrocchesi all’attore Alessio Boni: con… sorpresa finale

    L'artista potrebbe diventare il testimonial dell'associazione A.B.C. Cri du Chat di San Casciano

    SAN CASCIANO – Il Teatro Niccolini raffigurato in un quadro di Raffaele Dongarrà, una tavola di legno con chiodi antichi portafortuna e una pubblicazione sulla figura di Antonio Morrocchesi.

     

    Sono questi i doni che la giunta Pescini ha scelto per premiare un grande attore della scena italiana, tra i protagonisti della stagione teatrale del Niccolini, promossa dal Comune e Fondazione Toscana Spettacolo.

     

    Il premio alla carriera Antonio Morrocchesi, assegnato annualmente dall'amministrazione comunale ad un protagonista del panorama teatrale italiano, è stato conferito ad Alessio Boni.

     

    L'attore di cinema e teatro, interprete della produzione “I duellanti” di Joseph Conrad su adattamento di Francesco Niccolini, andata in scena con grande successo di pubblico nella sala del Teatro Niccolini, è stato omaggiato dal sindaco Massimiliano Pescini e dall'assessore alla cultura Chiara Molducci. Tre i doni, tra pubblicazioni e opere di artisti e artigiani, come nella tradizione del premio, che il noto attore ha avuto l'occasione di ricevere al termine dello spettacolo.

     

    Oltre al libro sull'attore teatrale del '700, sono stati consegnati un'opera pittorica di Dongarrà e una tavola lavorata con l'inserimento di chiodi antichi da un artigiano del territorio, David Massei.

     

    Un must della scaramanzia teatrale legata alla tradizione che chi trova sul palco un chiodo storto è destinato a tornare in quello stesso teatro. Gli omaggi sono stati molto apprezzati da Boni che ha ringraziato l'amministrazione comunale "per la calorosa accoglienza”.

     

    La premiazione ha anche una connotazione sociale quest'anno espressa dall'amministrazione comunale nella motivazione del conferimento.

     

    “Il grande interprete Alessio Boni che dal 1988 si esibisce sulle scene teatrali, oltre che cinematografiche – commenta il sindaco Massimiliano Pescini – è stato riconosciuto per lo spessore artistico del suo ruolo e della sua carriera e per la possibile collaborazione che potrà nascere con l'associazione A.B.C. Bambini Cri du Chat”.

     

    “Siamo contenti del fatto che Boni – aggiunge l'assessore alla cultura Chiara Molducci – attivo in svariate campagne di carattere umanitario, si sia reso disponibile ad affiancare il percorso dell'A.B.C. e a supportare le iniziative dell'associazione, presieduta da Maura Masini, il cui impegno sul fronte sociale ha una portata di livello nazionale”.

     

    Ad affiancare Alessio Boni sul palcoscenico del Niccolini l'attore Marcello Prayer.

     

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...