spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 6 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Vinsanto protagonista: venerdì 18 novembre da Carlo Lotti un libro speciale

    Alle 18 nella libreria-enoteca "Vin Santo. Come si crea come si compone": al centro la Fattoria di Montagliari

    SAN CASCIANO – Un simpatico appuntamento per gli amanti del vinsanto (e non solo), si svolgerà venerdì 18 novembre alle 18 nella Libreria Enoteca di Carlo Lotti in via Roma 12.

     

    Qui infatti si svolgerà la presentazione del libro dal titolo “Vin Santo. Come si crea come si compone” di David Migliorini e Lorenzo Pecchioni con la collaborazione di Andrea Carlucci.

     

    Il libro è stato realizzato nell’ambito della Fattoria di Montagliari (Greve in Chianti) dove studiosi di enogastronomia e di storia toscana si incontrano abitualmente per convegni e convivi.

     

    Il vinsanto è creato da secoli a Montagliari secondo le “regole” che permisero la distinzione del prodotto chiantigiano dall’universo dei vini passiti. La fattoria è dotata di una notevole vinsanteria con caratelli originali e strumentazione artigianale.

     

    Questo libro che contiene la traduzione dei testi in inglese, fa parte della prima collana “Quaderni di Montagliari” ed è dedicato al complesso rapporto tra vinsanto e cronologia storica.    

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...