spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 4 Marzo 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Commercianti contro il porta a porta: alcuni esercizi espongono i rifiuti per protesta

    Nella mattina del 25 aprile: "Il Comune ci ignora". Da domani al via la petizione: ecco dove firmare

    SAN CASCIANO – Hanno scelto la mattina di oggi, lunedì 25 aprile, per mostrare la loro contrarietà alle modalità di raccolta porta a porta dei rifiuti nel centro storico di San Casciano.

     

    Così alcuni esercizi commerciali hanno messo fuori dai loro ingressi bidoncini e sacchi con scritto sopra "Grazie per questo".

     

    "Per mostrare al sindaco – dicono coloro che hanno aderito alla protesta – e ad alcuni rappresentanti comunali il modo in cui dobbiamo lavorare".

     

    Quello della raccolta dei rifiuti porta a porta nel centro storico del capoluogo sembra proprio un problema senza soluzione: nanche lo spostamento serale dell'esposizione dei rifiuti, con il conseguente passaggio degli operatori dopo cena, ha portato ai miglioramenti sperati dall'amministrazione comunale e Quadrifoglio. Tutt'altro.

     

    "Da metà febbraio – dicono i commercianti che hanno deciso di protestare in maniera così evidente – il nostro Comune ha modificato l'orario del ritiro dell'immondizia. E' obbligatorio esporre i sacchi da buttare dalle 20.30 alle 21.30. Purtroppo gli operatori ecologici fino alle 23 solitamente non passano a ritirarli".

     

    Dicono quindi che "i nuovi orari danneggiano il nostro lavoro e l'immagine dell'intero paese, contando il fatto che il nostro San Casciano vive di turismo".

     

    "Settimane fa – ribadiscono – durante un'assemblea presso il Comune, abbiamo fatto presente il nostro disagio ma siamo stati ignorati; non solo, ci è stato fatto capire che non è un problema che riguarda il Comune. Se credete che la cosa non vi riguardi… immaginate di passeggiare per un paese pieno di rifiuti, oppure pasteggiare con tutti i favolosi aromi emanati dai bidoni dell'immondizia".

     

    "Da domani – annunciano – inizieremo a raccogliere firme per la nostra petizione, per poterla presentare in Comune e far capire che è un problema di tutti".

     

    Chiunque volesse dare il proprio sostegno alla protesta, può passare presso il ristorante "La Cantinetta del Nonno", in via IV Novembre, e lasciare la propria firma.

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...