spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 6 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Nell’asilo di Chiesanuova si sono pure fermati a mangiare panettone e ricciarelli

    CHIESANUOVA-CERBAIA (SAN CASCIANO) – Una vera scorreria di “ladri di polli” tra Cerbaia e Chiesanuova è avvenuta nella notte di mercoledì 15 gennaio.

     

    Sono state prese di mira la scuola dell’infanzia e la scuola primaria “Gianni Rodari” di Cerbaia oltre al Centro Socio Culturale, entrambi gli edifici si trovano lungo via Napoli.

     

    Partiamo dalle scuole du Cerbaia: dove dopo essersi introdotti all’interno forzando alcune porte finestra, sono state manomesse le macchinette del caffè portando via il magro bottino di pochi spiccioli.

     

    In più sono state scardinate delle porte interne chiuse a chiave e scardinato un armadietto all’interno di una classe portando via la somma di 5 euro.

     

    Qui però è scattato l’allarme (intorno alle 4) con il conseguente intervento dei carabinieri: ma, al loro arrivo, dei ladri nessuna traccia.

     

    Sempre in via Napoli per la seconda volta sono entrati nel Centro Socio Culturale introducendosi da una finestra: solita macchinetta scassata, e dopo aver frugato nei cassetti della segreteria, sono riusciti a portare via pochi spiccioli.

     

    E come se non bastasse, una “visita” è stata fatta anche all’interno della scuola dell’infanzia di Chiesanuova, adottando il solito stragemma.

     

    Solo che qui, probabilmente esausti della scorreria, i ladri sono stati presi dai morsi della fame ed hanno deciso di consumare panettone e ricciarelli, residui delle feste appena trascorse.

     

    Gran lavoro dunque per i carabinieri ma anche per la segreteria dell’Istituto Comprensivo del capoluogo: costretta ancora una volta a contare i danni.

    di Antonio Taddei

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...