spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 21 Febbraio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Arrivata nei mesi scorsi al Comune di San Casciano. Ma alla fine dovrebbero andare nell’ossario comunale

    SAN CASCIANO – La notizia era uscita nei giorni scorsi (clicca qui per leggere l'articolo): i resti di Pietro Pacciani, esumati nel luglio dello scorso anno, giacciono ancora nel magazzino del cimitero comunale di San Casciano. Nella cassettina di zinco nella quale li avevano messi i necrofori.

     

    Nessun familiare li aveva reclamati, e nonostante dopo sei mesi avessero dovuto essere collocati nell'ossario comune, erano sempre lì.

     

    Troppo "diversi" dagli altri quei resti per finire lì senza colpi di scena. Uno di questi è stato senza dubbio la richiesta arrivata al Comune di San Casciano daparte di un docente universitario di Bari, il professor Maurizio Sozio.

     

    Sozio scriveva a nome suo ma anche per conto di di un gruppo di studiosi che si è "coagulato" su forum on line proprio attorno alle vicende del Mostro di Firenze.

     

    Sozio insegna "Diritti dell’uomo", e si dice convinto che sarebbe necessario che quei resti non finiscano nell'ossario comunale: in quel caso infatti qualsiasi possibilità di ulteriori analisi sarebbe preclusa.

     

    In molti, in particolare a San Casciano, si chiedono cosa si vorrebbe ancora trovare tramite analisi post-autoptiche di questo tipo. C'è chi si azzarda a motivare questa idea con interessi morbosi, ma lo stesso professore barese, interpellato dall'Ansa, ha seccamente smentito.

     

    Intanto i resti di Pacciani, anche su ordine della Procura della Repubblica di Firenze, per adesso rimangono fermi nel deposito: ma presto potrebbero davvero seguire il percorso "normale" e finire, non reclamati dai familiari, nell'ossario comunale.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...