spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 2 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    San Casciano, consegnato il Premio Antonio Morrocchesi all’attrice Beatrice Visibelli. Applausi a scena aperta

    Ovazione al Teatro Niccolini: la "sua" comunità ha reso omaggio alla straordinaria attrice sancascianese che si è formata al fianco dei giganti del teatro

    SAN CASCIANO – Applausi a scena aperta per l’attrice Beatrice Visibelli, destinataria del Premio Morrocchesi 2022.

    E’ apparsa visibilmente emozionata e commossa l’attrice sancascianese che ieri sera, sul palcoscenico del Teatro comunale Niccolini di via Roma, dove si era appena esibita come protagonista del monologo “La Mite”, ha ricevuto dall’amministrazione comunale il premio alla carriera Antonio Morrocchesi.

    Al termine dell’intensa interpretazione, nel cuore dell’ovazione del pubblico per la magistrale prova teatrale, l’attrice è stata raggiunta dal sindaco Roberto Ciappi e dall’assessore alla cultura Maura Masini per la consegna di una targa e di un dipinto dell’artista Eugenia Liaci.

    Lo spettacolo, proposto dal Comune e Fondazione Toscana Spettacolo in occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, è frutto di un riadattamento dell’opera di Fëdor Dostoevskij prodotto da Teatri d’Imbarco per la regia di Nicola Zavagli.

    Il premio Antonio Morrochesi, che affonda le sue radici nella storia di Antonio Morrocchesi, attore teatrale di San Casciano, vissuto nella seconda metà del Settecento, è il riconoscimento istituzionale destinato a donne e uomini che si sono distinti nel mondo della scena artistica nazionale.

    Se il sindaco Roberto Ciappi ha evidenziato “il grande talento della “vicina di casa”, attrice di elevato spessore artistico e cittadina attiva per il suo impegno civico sul palcoscenico, come nella vita, innamorata di San Casciano, territorio di origine dove è nata e cresciuta, e della sua comunità”, l’assessore alla cultura Maura Masini ha descritto le motivazioni della scelta di conferire all’interprete il premio Antonio Morrocchesi.

    “Nei suoi spettacoli propone da sempre un teatro popolare di impegno civile, che negli anni, ha coinvolto molti giovani e molti importanti artisti della scena nazionale – ha dichiarato l’assessore Masini – Beatrice ha saputo coniugare la forte e riconosciuta presenza sul territorio con uno sguardo sempre aperto e curioso verso il mondo, l’impegno civile ed il teatro di testimonianza con interpretazioni intense ed emotivamente coinvolgenti, la leggerezza del linguaggio con l’intensità delle passioni”.

    L’attrice Beatrice Visibelli ha ringraziato l’amministrazione comunale, il pubblico presente e la comunità di San Casciano per il calore, l’affetto e la stima a lei dimostrati negli anni.

    “Dedico questo riconoscimento, per me di grandissima importanza, – ha concluso – a tutta la mia famiglia, mio marito, mia figlia, i miei genitori e i miei fratelli, che mi hanno sempre sostenuto e affiancato in ogni scelta che ha riguardato il mio amore per quel viaggio dei sentimenti e delle ragioni del cuore che si chiama teatro, riflesso di una passione incondizionata per la vita stessa”.

    Diplomata alla Bottega Teatrale di Vittorio Gassman, inizia molto giovane a lavorare con grandi maestri del teatro italiano.

    Debutta con Walter Chiari e Renato Rascel. Sarà coprotagonista in “Zoo di vetro” con Piera Degli Esposti, con cui lavorerà a lungo e a cui resterà sempre legata da una grande amicizia.

    Diretta da grandi registi, come Giancarlo Sepe, Antonio Calenda, Cristina Pezzoli, è in scena, tra gli altri, con Glauco Mauri, Tino Schirinzi e la grande Isa Danieli.

    Dal 2002 con il drammaturgo, regista, e compagno di vita, Nicola Zavagli e l’organizzatore Cristian Palmi, fonda la Compagnia Teatri d’imbarco che dirige e gestisce il Teatro delle Spiagge di Firenze.

    Tanti i nomi di primo piano che si sono alternati sul palcoscenico del Niccolini. Dalla stagione teatrale 1999/2000 hanno ricevuto il premio Giorgio Albertazzi, Gianrico Tedeschi, Franca Valeri, Paolo e Lucia Poli, Massimo Ghini, Isa Danieli, Alessandro Benvenuti, Umberto Orsini, Ottavia Piccolo, Elio De Capitani e Ida Marinelli, Laura Curino, Sandro Lombardi, Alessio Boni, Milena Vukotic, Glauco Mauri, Michele Placido, Anna Bonaiuto.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...