spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 29 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Annalisa Lazzeri: da trentacinque anni ci regala un “Soffietto”… di magia

    Per i Sancascianesi di Mestiere incontriamo una commerciante in un negozio che scalda ancora il cuore

    SAN CASCIANO – Tra le nostre botteghe del cuore ce n’è di certo una, in via IV Novembre: ci accoglie un’atmosfera di colori e magia, come una girandola con cui gioca il vento; poi, il sorriso sempreverde di Annalisa Lazzeri, col profumo inconfondibile del suo negozio.

    “Mi ci perdo tra tutte queste cose!”, esclama illuminandosi una cliente in vacanza. Annalisa le risponde, rassegnata e comprensiva: “Anche a me capita sempre!”.

    Al “Soffietto”, ci smarriamo tutti con occhi da bimbo, tra le migliaia di oggetti. Eppure, noi ci siamo cresciuti dentro, per arrivare finalmente a raggiungere i cappelli e scegliere da soli il modello più bello.

    “Sancascianese di mestiere lo sono, vai!”, afferma Annalisa. “Sono nata in fondo a viale Garibaldi, come il mio babbo e il mio nonno. Abito qui, ci sono sempre stata e c’ho praticamente tutti i miei parenti. In più sono 35 anni che lavoro in questo negozio!”.

    Il “Soffietto” ha visto la luce il 20 dicembre del 1980: “La mia sorella Primetta voleva lasciare il banco di souvenir e oggetti di paglia in San Lorenzo. Allora, al mercato, vendevano tutti questo tipo di cose. Ora ci sono più persone straniere e in generale tengono più pelle e cappelli. Si pensò di aprire un negozio e si fece la pubblicità sulle magliette della Sancascianese Ciclismo, col mio marito Roberto Caneschi che ha da sempre passione per le biciclette”.

    “Questo posto – spiega Annalisa – l’hanno chiamato davvero in tanti modi, anche Soffitta… . Addirittura, pensavano al soffietto al cuore! Ma il nome viene dallo sventolino per il focolare, perché si vendeva tanta roba di paglia”.

    Il disegno di quest’utensile oramai quasi “fuori di moda” torna sui piccoli adesivi arancio che chiudono i pacchetti regalo, coi fiocchi di rafia fatti a mano dalla madre Maria: “Ora in negozio ci sto soprattutto io”, continua Annalisa. “I miei vivono nel Colle d’Agnola e io e il mio marito al Gentilino. Siamo stati insieme per lavorare. Chi si sopporta se si sta… anche a casa?”.

    “In principio, il locale finiva all’arco successivo all’entrata. Poi il proprietario del fondo, che sta qui sopra, ha spostato il garage più in là. S’è approfittato di quest’occasione, buttato giù il muro e rimesso ogni cosa. S’era più giovani – ricorda – e con molto più spirito d’iniziativa. L’arredamento è tutta roba di casa. S’è comprato il legno e s’è fatto e ideato da noi, con l’aiuto di un amico falegname”.

    “Si tenevano borse, cestini e idee regalo – ricorda – come ora, mentre i cappelli si sono aumentati dopo perché in paese c’era solo la cappellaia Malandrini, davanti all’Acquaiolo. Era una signora che tutti conoscevano e che ne vendeva di molto belli”.

    “Il cappello – insiste Annalisa – è un articolo un po’ particolare. Prima non tutti ci si vedevano, ora è un accessorio più comune, ce ne sono di tutti i tipi e per tutte le occasioni”.

    “Sono sempre stata contenta di lavorare con gli oggetti che vendiamo e se quello che vendi ti piace, lo fai anche più volentieri. Abbiamo sempre avuto rapporti familiari con chi si serve da noi – tiene a dire – soprattutto essendo del posto, anche se ora c’è più gente di fuori. Oggi, nel fare acquisti, si guarda tutto con più attenzione. Nel nostro settore sono tutti ninnoletti e si trova sempre qualcosa a un prezzo relativo, ma comunque ci piace che i clienti siano soddisfatti e io dico loro di non comprare se non sono convinti, senza spendere soldi così per fare”.

    “Nel lavoro ci sono più problemi – dichiara – più cose fiscali e più tasse. È dura per chi è tanto che c’è, figuriamoci per chi apre ora!”.

    Tanti si lamentano di questa via, dicendo che viene dimenticata dalle iniziative che si raggruppano nel centro del paese: “Come in tutte le cose ci sono i pro e i contro. La gente fa da tappo in centro e su di noi la visuale resta libera”.

    “San Casciano e i sancascianesi? No comment!”, scherza Annalisa. Ma riprende: “Ci sono talmente abituata che non mi sono accorta di grandi cambiamenti, perché forse sono stati anche graduali”.

    “Il mio augurio è buono per tutti – tiene a dire- che la gente si trovi bene, che lavori e che vada avanti tutto nel migliore dei modi per i negozi e ogni cosa! Qui siamo nell’oro, siamo fortunati e per ora non ci sta andando male”.

    Tra i suoi folli inventari al gusto di carta e penna, Annalisa conserva un atteggiamento positivo verso la vita e la corsa del progresso, senza sprofondare nel lamento sterile e trovando comunque la voglia di stare al passo coi tempi.

    Così, questo negozio ricco di dettagli raccoglie le tracce della sua storia, mantenendosi vivace genuino e ricco come chi da sempre lo vive.

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...