spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 29 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Scompare l’avvocato Nino Filastò: fu lo storico difensore di Mario Vanni

    Ha cercato fino all’ultimo di dimostrare che non potevano essere i "compagni di merende” Pacciani, Vanni e Lotti, i colpevoli dei duplici omicidi del Mostro di Firenze

    FIRENZE – Scompaiono i personaggi che hanno fatto la storia di una delle vicende più controverse della storia giudiziaria italiana, quella del Mostro di Firenze.

    Dopo la scomparsa a 75 anni dell’ex capo della squadra mobile Ruggero Perugini, avvenuta a metà novembre 2021, stavolta a mancare è il difensore storico di Mario Vanni, l’avvocato-scrittore Nino Filastò, nato a Firenze nel 1938.

    Sul caso del Mostro di Firenze Filastò aveva scritto due libri, “Pacciani Innocente” (1994) e “Storia delle merende infami” (Firenze 2005).

    Questo ultimo libro era stato presentato anche a San Casciano, presso la libreria Lotti: c’eravamo anche noi quella sera insieme al collega de La Nazione Andrea Ciappi.

    E prima della presentazione l’avvocato volle andare a mangiare al ristorante “Nello”, frequentato in tempi non sospetti proprio da Mario Vanni e Giancarlo Lotti.

    Nino Filastò ha cercato fino all’ultimo di smontare ogni tassello dell’inchiesta sul Mostro, cercando di dimostrare che non potevano essere i “compagni di merende” Pacciani, Vanni e Lotti, i colpevoli dei duplici omicidi.

    L’ultima sua apparizione in Tv è stata il 10 dicembre scorso su Rai Due, per la serie Crime Doc “Il Mostro di Firenze: Quel silenzio che non tace – Bugie e verità”.

    Durante la presentazione del suo secondo libro, a San Casciano

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...