spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 26 Maggio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Sinistra Progetto Comune per San Casciano svela simbolo, programma elettorale e candidati

    "Il nostro è un programma di visione, che vuole tracciare un percorso di sviluppo innovativo, solidale e sostenibile"

    SAN CASCIANO – Il candidato sindaco Jadi Marinai e la lista Sinistra Progetto Comune presentano ufficialmente il programma (e il simbolo) per le elezioni amministrative dell’8 e 9 giugno a San Casciano (lo trovate qui in versione integrale).

    “Cogliamo l’occasione – tengono a dire dalla lista – per ringraziare per il supporto e la mobilitazione mostrati durante la campagna di raccolta firme: siamo felici di annunciare che è stato superato il limite minimo per poter formalizzare la candidatura”.

    “Per un progetto come il nostro – affermano – nuovo sia dal punto di vista politico che per quanto riguarda la composizione del gruppo di lavoro, si tratta di un grande traguardo. Vogliamo interpretarlo ottimisticamente come la necessità da parte della cittadinanza di veder nascere e crescere una vera alternativa all’interno del panorama politico del nostro comune”.

    “Il programma elettorale – annunciano – è consultabile e scaricabile online al sito web, dove a breve saranno disponibili anche i profili di tutti i candidati e candidate della lista. Inoltre è possibile richiedere una copia stampata del programma presso i contatti social o la e-mail (spcsancascianovp@gmail.com)”.

    Eccola, intanto, la lista dei candidati. Con in testa il candidato sindaco.

    • Jadi Marinai – Roma 11/02/1992

    • Sara Mazzini – Poggibonsi (SI) 24/07/1980

    • Francesco Quaranta – Orzinuovi (BS) 10/06/1989

    • Maria Piera Fusi – Bagno a Ripoli (FI) 12/09/1996

    • Zaccheo Nencioni – Firenze 11/12/1980

    • Laura Dell’Antonio – Milano 08/06/1952

    • Gianluca Tarchi – Firenze 07/10/1974

    • Vittoria Mori – Pistoia 29/07/1995

    • Giacomo Innocenti detto Gek – Firenze 31/07/1979

    • Chiara Sabatini – Firenze 11/11/1996

    • Alberto Barberis – Villafranca d’Asti (AT) 03/06/1944

    • Lorenzo Villani – Napoli 22/08/1998

    • Cristian Milia – Prato 02/05/1986


    “Le proposte contenute nel documento – riprendono, con riferimento al programma elettorale – sono frutto del lavoro di gruppo di cui anche questa lista è espressione, oltre che della collaborazione di persone incontrate durante le presentazioni del progetto politico, interessate a veder nascere un’alternativa possibile nella gestione del comune”.

    “Si tratta di un programma di visione – precisano – che vuole tracciare un percorso di sviluppo innovativo, solidale e sostenibile. È un programma che tiene conto dei limiti e delle strutture a cui le amministrazioni sono sottoposte, ma che allo stesso tempo dà voce alla volontà di rinvigorire il dialogo tra cittadinanza e organi di governo, e di offrire nuove occasioni di partecipazione. Per esempio attraverso lo strumento del bilancio partecipativo”.

    “Tra le altre proposte – anticipano – un orizzonte culturale più largo per il nostro Comune, stop al consumo di suolo con l’accento su metodi di costruzione alternativi, interventi strutturali sulle tariffe per agevolare affitti e attività commerciali, nuovi metodi di cura e gestione dell’ambiente e delle attività agricole”.

    “Invitiamo infine chiunque fosse interessato/a – concludono – a raggiungerci al Circolo del Combattente a San Pancrazio venerdì 3 maggio dalle 21.15 per incontrare i candidati della lista. Lavoreremo duramente in questo mese di campagna elettorale per far arrivare la nostra proposta a più gente possibile. Un grazie in anticipo a tutte le persone che vorranno darci una mano”.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...