spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 28 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    E’ stato realizzato in piazza Aldo Moro, alla “Stazione”

    Un nuovo posto  auto per lo stazionamento di taxi  e veicoli per il servizio di noleggio con conducente (NCC), è stato destinato nel parcheggio di piazza Aldo Moro, alla “Stazione”, adiacente alla pensilina degli autobus di linea.

     

    Con la delibera del consiglio comunale del maggio 2002, è stato approvato il regolamento per l’esercizio del servizio taxi, ma il bando non è stato mai approvato per l’assegnazione di licenza, poiché non è emersa la richiesta di tale servizio da parte della cittadinanza, né l’interesse da parte di alcuna impresa a svolgerlo.  Una postazione taxi con conducente fu installata in piazza dell’Erbe nel 1985, ma durò un solo un anno.

     

    "Purtroppo nonostante tutta la mia buona volontà – raccontò allora il tassista Vasco Falugiani – l’iniziativa non è decollata, non ci sono clienti. Poteva essere un buon servizio specie per le persone che abitano nelle frazioni , invece preferiscono seppure con lunghe attese, usufruire della Sita al posto del Taxi, il lunedì giorno di mercata poteva essere il giorno con più lavoro, invece era uguale a tutti gli altri giorni, così ecco la decisione di lasciare".

     

    Era il giugno del 1966, di anni ne sono passati, adesso il posto riservato ai Taxi e NCC è stato ripristinato, vediamo se tornerà anche… il taxi.   

    di Antonio Taddei

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...