spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 6 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    L’apertura affidata all’ultimo lavoro di Arca Azzurra, con la sua versione di Pinocchio

    SAN CASCIANO – Ai nastri di partenza la diciassettesima edizione del cartellone del Teatro Niccolini di San Casciano. Prosa, danza e musica: una nuova stagione aperta alle emozioni

     

    Dal 14 novembre al 19 marzo dieci titoli tra tradizione e contemporaneità. Sul palcoscenico del Niccolini alcuni dei migliori autori e interpreti del panorama artistico nazionale: Arturo Cirillo, Lucia Poli, Sandro Lombardi, Arca Azzurra Teatro, Lella Costa, Julie Ann Anzilotti, Erri De Luca, Alessandro Benvenuti, Adriano Miliani.

     

    Uno spazio drammaturgico aperto alla curiosità, alla vita, alla creatività, alle sensazioni. Con i suoi 300 posti, un ricco percorso storico ed una posizione strategica, a metà strada tra Firenze e Siena, il Niccolini continua a proporsi, ad affermarsi come fucina di idee e di incontri, come luogo che non solo ama parlare il linguaggio contemporaneo nelle parole e nelle modalità espressive, ma accoglie le diverse proposte e richieste culturali miscelando generi ed eventi sullo sfondo di un’eco che da sempre evoca la tradizione. Una nuova stagione teatrale con grandi nomi del panorama artistico nazionale, titoli di prosa, danza, musica e tanti eventi legati al territorio.

     

    Terreno di forza e vitalità, spazio che non si limita ad accogliere eventi il cui impegno si esaurisce non appena cala il sipario, il Niccolini mira a dialogare con il proprio territorio prima, durante e dopo lo spettacolo, in un momento in cui il mondo della cultura non ha certo vita facile e le risorse e le prospettive sono sempre più limitate.

     

    Anche quest’anno a dargli impulso vitale è una stagione di eventi di qualità confezionata da una sinergia di forze che vede collaborare il Comune di San Casciano, promotore e sostenitore del teatro dal 1996, l’ente Fondazione Toscana Spettacolo, storico partner del Comune impegnato a supportare sul piano finanziario e artistico la programmazione dei contenuti del cartellone sancascianese e Ugo Chiti che firma la direzione artistica del Niccolini insieme a Fts.

     

    Altrettanto significativa è la presenza e la collaborazione delle compagnie residenti, Arca Azzurra Teatro, Katzenmacher e Teatro-Danza Xe che hanno dato ed infondono linfa alle molteplici forme espressive che si coltivano in seno alla struttura, contribuendo a fare della formazione e della didattica artistica un tratto distintivo della realtà Niccolini.

     

    Fondamentale anche l’impegno di ChiantiBanca, soggetto che con il suo rinnovato sostegno al teatro offre un significativo contributo alla crescita culturale del territorio.

     

    Un lavoro di squadra che include anche “Gassa d’Amante”, l’associazione culturale che per conto del Comune svolge attività di segreteria organizzativa e coordinamento tecnico in favore del Niccolini.

     

    La stagione 2013-2014

     

    Equilibrio tra i generi, armonia tra i diversi linguaggi destinati ad un pubblico eterogeneo, sempre più esigente, maturo e sensibile alla qualità e alla diversificazione dell’offerta.

     

    La stagione teatrale 2013-2014 rinnova i propri obiettivi: dialogare con il territorio, avvicinare lo spettatore alle molteplici forme espressive che stanno dentro e alimentano il mondo teatro, richiamare l’attenzione del pubblico su una doppia connotazione che da un lato dà spazio al linguaggio classico, dall’altro favorisce e scommette sulle sperimentazioni drammaturgiche.

     

    Una convivenza possibile che da diciassette edizioni segna il passo nel percorso artistico del Niccolini e che quest’anno si ripropone con un cartellone di dieci appuntamenti di cui due fuori abbonamento.

     

    Titoli che contemplano prosa e danza. Produzioni toscane, pièces che si ispirano alle pagine della nostra storia, ai testi di autori classici come Feydeau, Pirandello rivisitate in chiave contemporanea, opere che scommettono sui linguaggi della sperimentazione e che vedono la partecipazione di nomi di richiamo nel panorama artistico contemporaneo: tra gli altri Arturo Cirillo, Lucia Poli, Sandro Lombardi, Arca Azzurra Teatro, Lella Costa, Julie Ann Anzilotti, Erri De Luca, Alessandro Benvenuti, Adriano Miliani.

     

    Prosa

     

    L’apertura della stagione teatrale del Niccolini è affidata all’ultimo lavoro prodotto da Arca Azzurra Teatro: Pinocchio, adattamento di Ugo Chiti dal testo di Carlo Collodi. Dopo anni di gestazione, un maestro del teatro in lingua toscana come Chiti porta in scena il burattino nostrano e ne svela, con assoluta fedeltà al testo, nuovi significati (14 e 15 novembre).

     

    L’appuntamento successivo è ispirato al testo di Georges Feydeau La purga per la regia di Arturo Cirillo (1 dicembre). Ironia, sarcasmo, paradosso accompagnano le vicende surreali, le trovate sceniche del testo arricchendo di molteplici possibilità di lettura il gioco di Georges Feydeau, uno dei più grandi autori comici del teatro francese e europeo.

     

    Il Teatro Del Carretto è di scena con lo spettacolo Giovanna al rogo, testo e regia di Maria Grazia Cipriani (15 dicembre). Al centro il dramma di una donna torturata e umiliata,  vittima di chi il potere ce l’ha e ne fa l’uso che preferisce senza limiti di sorta. Giovanna è il simbolo di una sofferenza che investe corpo ed anima. Intensa l’interpretazione di Elsa Bossi.

     

    Una signora della scena come Lucia Poli è la protagonista de Il fantasma di Canterville secondo la Signora Umney di Ugo Chiti, liberamente tratto da Oscar Wilde (1 febbraio). Interpretata da un’irresistibile Lucia Poli, Mrs. Umney accompagna il pubblico in un racconto che non perde leggerezza e smalto, rendendo il testo uno dei più amati della produzione letteraria di Oscar Wilde.

     

    Federico Tiezzi si sperimenta sul linguaggio di Pirandello. Nasce Non si sa come, frutto di un lavoro drammaturgico elaborato da Sandro Lombardi e Fabrizio Sinisi (11 febbraio). Romeo Daddi cede per un momento alla passione per Ginevra, moglie dell’amico Giorgio e precipita in uno stato di colpevolezza che non riesce ad accettare. Azioni che sfuggono al controllo e lasciano spazio all’introspettiva dell’anima e al subconscio. Temi cari alla ricerca di Tiezzi.

     

    Erri De Luca sarà ospite del Niccolini come autore e interprete di Chisciottimisti (28 febbraio). I Chisciottimisti sono coloro che non si arrendono, che sentono l’esigenza di dire no alle ingiustizie, sono ottimisti per natura e non riescono ad accettare passivamente la realtà. In scena il trio di amici De Luca-Testa-Mirabassi, coordinato da Paola Farinetti.

     

    Ultimo titolo in abbonamento è quello che vede protagonista l’esilarante Lella Costa in Nuda proprietà (19 marzo). Straordinaria l’interpretazione della coppia Lella Costa-Paolo Calabresi impegnati ad affrontare il complesso tema del rapporto tra amore e libertà, la garanzia di un miracolo teatrale che fa ridere e piangere allo stesso tempo.

     

    Per quanto riguarda i titoli fuori abbonamento il Niccolini festeggerà la notte di San Silvestro con un altro grande artista di casa nostra: Alessandro Benvenuti e il suo intramontabile L’atletico ghiacciaia (31 dicembre).

     

    E sempre rimanendo in tema di produzioni legate al territorio due chiantigiani doc come Adriano Miliani e Marco Borgheresi sono gli interpreti di Siamo momentaneamente assenti per la regia di Patrick Duquesne (22 febbraio). Lo spettacolo è nato dall’incontro tra gruppi teatrali italiani (L’Isola del tesoro, Jack and Joe Theatre) e belgi (Collectif 1984, Compagnie du Campus).

     

    Danza

     

    La danza di alto livello continua a fare spettacolo al Niccolini. Anche quest’anno la sala sancascianese ospita uno dei suoi interpreti più affermati: la coreografa italoamericana Julie Ann Anzilotti che il 24 gennaio farà vibrare le tavole del palcoscenico con il suo ultimo lavoro Variazioni cromatiche.

     

    Ad eseguirlo la compagnia Xe/Milano Teatro Scuola Paolo Grassi. Il lavoro nasce come spettacolo conclusivo del corso di teatro danza della Civica Scuola D’Arte Drammatica Paolo Grassi.

     

    Gli altri eventi

     

    Prosa, danza e musica. Blues e jazz sono i generi che rendono ancora più ampio e diversificato il ventaglio delle opportunità culturali proposte quest’anno dal Niccolini.

     

    Il 31 gennaio – nell’ambito del progetto Giovani Live, realizzato da Network Sonoro, Toscana Musiche in collaborazione con Fondazione Toscana Spettacolo – si terrà la lezione concerto Dal blues a John Coltrane: i mille volti del jazz, condotta dai musicisti Stefano Cocco Cantini, Piero Borri, Francesco Maccianti, Ares Tavolazzi (ingresso libero).

     

    Tutti gli spettacoli hanno inizio alle ore 21. Teatro Comunale Niccolini via Roma, 47 – San Casciano Val di Pesa – 055 8256388. Info e abbonamenti: segreteria@teatroniccolini.it.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...