spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 29 Novembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Giovedì 16 luglio la finale fra Spartak Bule e I Cugini di Zampagna: seguito anche grazie ai social network

    SAN CASCIANO – Il torneo estivo di calcio a 7, organizzato dalla Us Sancascianese Calcio ASD, conferma anche quest'anno il suo enorme successo.

     

    Giovedì 16 luglio alle 21.30 appuntamento allo stadio comunale di San Casciano, con la finalissima tra lo Spartak Bule ed I Cugini di Zampagna.

     

    Il torneo di calcio a 7 estivo è diventato un appuntamento imperdibile per i sancascianesi. I ragazzi possono partecipare una volta compiuti 16 anni: "Alcuni attendono quel momento come si fa a 14 anni, quando finalmente si può comprare il motorino", afferma Duccio Becattini (a sinistra nella foto).

     

    Lo dice come rappresentante di una delle due squadre finaliste, lo Spartak Bule, ma si occupa anche della gestione della pagina Facebook "Sancascianese Tornei" e dell'organizzazione con Silvano Raspollini e il riferimento della federazione Uisp.

     

    "Precedentemente – dice Duccio – i tornei erano gestiti da privati che chiedevano il campo in concessione, ma ormai sono cinque anni che abbiamo deciso di occuparcene in maniera autonoma, al fine di incrementare i guadagni e di non incorrere in spese superflue".

     

    Il successo di quest'anno è stato favorito anche dall'apporto della pagina Facebook: "I caposquadra hanno aiutato molto, inviandomi gli articoli dedicati alle partite quando non potevo essere presente personalmente. Il social network ha permesso che il torneo fosse ancora più seguito e che comunicare i risultati fosse più facile".

     

    La forza di quest'iniziativa è nel suo continuo rinnovamento: "Ogni anno partecipano ragazzi nuovi e stavolta, con I Cugini di Zampagna, sono arrivati in finale alcuni tra i più giovani".

     

    Il rappresentante di quest'ultima squadra è Francesco Lotti (a destra nella foto): "Io e gli altri ragazzi siamo tutti del '97 ed abbiamo cominciato a giocare a calcio alla Sancascianese. Nel 2008/2009 abbiamo vinto il campionato Giovanissimi. Poi ci siamo separati. Abbiamo riunito il gruppo e l'allenatore di allora (Niccolò Ferraro) per partecipare a questo torneo".

     

    Anche Duccio Becattini ha iniziato a giocare appena compiuti 16 anni: "Questo è un evento trasversale: i ragazzi giovani non vedono l'ora di partecipare e l'età dei giocatori va dai sedici anni minimi fino a I Briganti del Chianti, la squadra dei genitori dei bambini che giocano nei Pulcini e negli Esordienti della società".

     

    Insomma, a San Casciano con questo torneo si cresce: "Tramite i racconti su Facebook – dice Becattini – abbiamo voluto evidenziarne la continuità, fornendo anche alcuni dati statistici".

     

    Quest'anno si sono sfidate 14 squadre, distribuite in due gironi da 7: "Durante le semifinali si sono scontrate tutte squadre di uno stesso girone, che quindi si erano già affrontate. Le due finaliste sono interamente composte da sancascianesi. I Cugini di Zampagna sono ancora imbattuti e con noi dello Spartak Bule hanno vinto 2 a 1", sorride scaramanticoBecattini.

     

    "Per noi è la seconda finale di fila – tiene a dire – In semifinale abbiamo battuto l'Atletico Cirrosi, composto interamente da ragazzi del '94 che non avevano mai passato il girone".

     

    Invece, la squadra del '97 si è portata in finale sconfiggendo gli Hooligans: anche loro hanno passato il girone solo una volta ed hanno giocato quest'anno la loro prima semifinale.

     

    Giovedì alle 21.30, oltre ai vincitori del torneo si decreteranno anche il miglior giocatore, il miglior portiere ed il capocannoniere.

     

    "L'aspetto divertente – conclude Becattini – è che noi giocatori ci conosciamo tutti e dopo la partita resiste una dimensione popolare, fatta di chiacchiere e sfottò. Inoltre è interessante notare che le squadre che hanno più successo sono composte da persone che si conoscono sotto un punto di vista calcistico, ma soprattutto sono amiche nella vita".

    di Martina Mecacci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...









    I Cammini dell'Acqua