spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 3 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Il 14 giugno allo stadio comunale: per sensibilizzare e in memoria di Andrea Pazzagli

     

     

     

     

    SAN CASCIANO – E' andato agli archivi il quarto Torneo di Calcetto dei Donatori di Sangue delle Associazioni Fratres, Avis, Anpass e Gids, svoltosi nel pomeriggio di venerdì 14 giugno allo stadio comunale di San Casciano.

     

    L’iniziativa, promossa dal Servizio Immunoematologia e Medicina Trasfusionale dell’Ospedale Santa Maria Annunziata, è un'occasione per festeggiare la settimana dedicata alle donazioni. Settimana in cui, presso il Servizio Trasfusionale dell’Osma vengono fornite gratuitamente informazioni sulla donazione di sangue, plasma, piastrine, midollo osseo, latte materno.

     

    Il torneo era dedicato ad Andrea Pazzagli, donatore abituale del Centro Sangue di Santa Maria Annunziata che dava sempre il calcio d'inizio al torneo e che è purtroppo venuto a mancare due  anni fa. Alle 16.30 il proologo con i piccoli calciatori della scuola calcio di San Casciano che  hanno indossato le magliette con la scritta "Io sarò un donatore di  sangue".

     

    “Spesso –  aveva sottolineato il direttore del Sevizio, dottoressa Antonella Bertelli prima del torneo – sarà un è per mancanza di conoscenza e per pigrizia che non doniamo il sangue, senza pensare che il piccolo gesto può fare una cosa grande. L’ adesione dei piccoli calciatori è sicuramente una bella cosa, per i bambini sarà un modo per divertirsi e rendersi sensibili per una cosa  importante”.

     

    Nelle foto, scattate da Antonio Taddei, i bellissimi momenti di un pomeriggio che ha rappresentato sport, sensibilizzazione riguardo un tema importante, memoria di una persona che non c'è più.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...