spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 26 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Una targa nella Propositura di San Casciano per ricordare la generosità della Fondazione CRF

    Posizionata per ricordarne il contributo ai lavori di restauro delle pitture murali, "testimonianza di chi in passato ha voluto e saputo abbellire la chiesa per avvicinare l'uomo a Dio"

    SAN CASCIANO – Propositura di San Cassiano, 1 marzo 2022: una targa nel presbiterio della Collegiata per ricordare la generosità della Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze per il contributo ai lavori di restauro delle pitture murali.

    Gli interventi di restauro sono stati eseguiti nel periodo tra gennaio e novembre 2021.

    A gennaio sono iniziati i lavori di restauro conservativo della copertura della Propositura di San Cassiano.

    La prima fase di lavori ha visto il montaggio dei ponteggi interni all’abside della chiesa, per ispezionare lo stato di conservazione della volta.

    E’ risultato un quadro fessurativo della superficie non trascurabile anche se le parti ad intonaco nel complesso risultavano in uno stato aderenti di discreto conservazione, in quanto aderenti al canniccio soprastante, così come buona parte delle cornici e delle altre partiture architettoniche, ma in non buone condizioni estetiche in quanto fortemente annerite.

    Lesioni importanti si trovavano invece sulla parete destra dell’Abside in corrispondenza della pittura murale de “La Visitazione”.

    Successivamente, con l’installazione dei ponteggi esterni nella parte tergale e all’ampliamento del preesistente varco di accesso al vano sottotetto in corrispondenza dell’Abside, è stato possibile vedere l’effettivo stato di conservazione della copertura constatando un degrado reale molto più accentuato di quanto ipotizzato.

    Per quanto riguarda le facciate, con l’ausilio di una piattaforma, l’intervento è stato volto a valutare da vicino lo stato di conservazione della parte alta delle stesse dove è emerso un degrado maggiore di quanto si sarebbe potuto ipotizzare.

    Si è ritenuto opportuno approfittare dei ponteggi per il puntellamento del canniccio dell’Abside per procedere al restauro delle pitture murali che da oltre 70 anni non avevano nemmeno una “spolveratura”.

    “Riteniamo doveroso ringraziare la Fondazione CR Firenze per la disponibilità dimostrata con l’indispensabile contributo che ha permesso il restauro delle pitture murali”.

    Così si sono espressi don Massimiliano Gori e il consiglio per gli affari economici della parrocchia di San Casciano, per ringraziare la Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze per la generosità volta a recuperare pitture murali di gran pregio all’interno della Collegiata.

    “Lo abbiamo fatto – concludono – con una targa da posizionare all’interno della Propositura, perché chi oggi entra si trova di fronte un presbiterio nel suo originario splendore, con i suoi dipinti “La Gloria di San Cassiano” raffigurante il Patrono, le pitture laterali nonché le pitture sulla volta, testimonianza di chi in passato ha voluto e saputo abbellire la chiesa per avvicinare l’uomo a Dio”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...