spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 5 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Quarta lectio-magistralis al Niccolini; “Il Principe da tre soldi” a Casa Machiavelli

    SAN CASCIANO – Anche questo fine settimana l’offerta culturale proposta dal Comune di San Casciano e dalle associazioni del territorio si arricchisce di un ampio e variegato ventaglio di intrattenimento che propone incontri accademici, mostre, spettacoli.

     

    A San Casciano che festeggia il suo più illustre inquilino, Niccolò Machiavelli, in occasione del quinto centenario dalla scrittura del Principe, si terrà il quarto appuntamento del ciclo di lectiones magistrales “L’anno del Principe”, organizzato dal Comune in collaborazione con Laterza Editori.

     

    Il compito di offrire un approfondimento sulla figura dell’intellettuale fiorentino e la grande politica è affidato a Gastone Breccia, insegnante di Storia bizantina all’Università di Pavia. Il docente affronterà il tema de “Le armi del Principe” sabato 9 novembre alle 17.30 presso il Teatro Niccolini. Ingresso libero.

     

    A due passi dal teatro, presso la sala delle Conferenze della Biblioteca comunale (via Roma, 37) sono esposte le tavole originali del libro di Arianna Papini. La mostra “Quando il lupo assaggiò la bambina” è dedicata al mondo dell’infanzia ed è aperta sabato 9 dalle 9 alle 13. Ingresso libero.

     

    Alla Casa Museo Machiavelli, nel borgo di Sant’Andrea in Percussina, sabato 9 alle 21.15 va in scena lo spettacolo teatral-musicale “Il Principe da tre soldi”, prodotto dall’associazione Giotto in Musica, promosso dal Comune di San Casciano con il sostegno di Banca Ifigest. Info: www.sancascianovp.net.

     

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...