spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 23 Aprile 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Nella sua bottega (con la moglie Gisella) si sono vestite generazioni di sancascianesi: addio Paolo Razzi

    Si è spento all'età di 88 anni: "Paolo e Gisella", in cima a Borgo Sarchiani, è stato per decenni un punto di riferimento per l'abbigliamento

    SAN CASCIANO – Per decenni quel negozio fra piazza delle Erbe e l’inizio di Borgo Sarchiani è stato un punto di riferimento per l’abbigliamento di generazioni di sancascianesi.

    “Paolo e Gisella”, con Paolo Razzi e la moglie Gisella Forzieri, poi con le figlie Elisabetta e Beatrice, il genero Stefano Magazzini (purtroppo scomparso nel luglio 2019 a 52 anni), era (e non è un modo di dire) una istituzione.

    Dovevi andare a una cerimonia? Andavi lì per un abito. Volevi dei jean’s come… andavano di moda? Quello era il posto giusto.

    Sempre con garbo, con familiarità, in tempi nei quali il commercio di vicinato non risentiva ancora delle grandi catene o della concorrenza online.

    Paolo Razzi si è spento ieri, martedì 14 febbraio, nel giorno di San Valentino: aveva 88 anni.

    E chissà quante innamorate e quanti innamorati erano entrati da quella porta per acquistare un regalo… .

    Paolo Razzi era una persona genuina. Generoso e onesto. Sempre con la battuta pronta. Alto ed elegante.

    Sopra a quella bottega lui c’era addirittura nato, nell’appartamento superiore: figlio di Giuseppe Razzi, che vendeva stoffe e tessuti in giro con il furgone.

    E che per avviare quel figlio al mestiere, a 16 anni lo aveva mandato a Prato a tessere in una filanda, dove si facevano tessuti per il Vaticano.

    Poi Giuseppe, era il 1962, morì. E Paolo decise che era il momento di gettarsi nel mondo del “pronto moda”, degli abiti confezionati. In quel fondo fra piazza delle Erbe e l’inizio di Borgo Sarchiani, dove una volta c’erano le stalle.

    Il 18 luglio del 1964 sposò Gisella (scomparsa nell’agosto del 2021), e divennero una coppia “h24”, nella vita e nel lavoro. 

    Scolpita anche su quell’insegna, “Paolo e Gisella”: uniti per sempre, anche nella memoria di tutti coloro che hanno varcato quella soglia.

    I funerali di Paolo Razzi si terranno venerdì 16 febbraio alle 11 nella Propositura di San Cassiano: la salma verrà esposta oggi, giovedì 15 febbraio, nella chiesa di Santa Maria sul Prato (della Misericordia), dalle 12.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...