spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 15 Agosto 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    160 posti per la sosta, nuovi alberi, ricariche elettriche: il nuovo parcheggio di Grassina sarà così

    Sorgerà in via Bikila nell'area di 5mila mq che il Comune acquisirà dalla casa del popolo. Approvato dalla giunta il progetto di fattibilità tecnico-economica

    GRASSINA (BAGNO A RIPOLI) – Centosessanta posti per la sosta, nuovi alberi per creare punti di verde e di ombra. Colonnine per la ricarica di auto e bici elettriche.

    Nuovi lampioni a Led per dare luce all’area e telecamere per la videosorveglianza. Il nuovo parcheggio pubblico di Grassina prende forma.

    La giunta comunale ripolese ha approvato il progetto di fattibilità tecnico-economica dell’opera: sorgerà nell’area di via Bikila da circa 5mila metri quadrati che il Comune di Bagno a Ripoli acquisirà come concordato dalla casa del popolo.

    Per realizzare il nuovo parcheggio servirà un investimento complessivo di un milione e mezzo di euro. 

    “L’ok della giunta è il primo step verso l’acquisizione dell’area – dichiarano il sindaco Francesco Casini e l’assessore ai lavori pubblici Francesco Pignotti – Presto con un incontro pubblico condivideremo le linee guida del progetto con la Casa del popolo e la comunità di Grassina”.

    “Decideremo insieme i dettagli dell’intervento – rilanciano – affinché sia il più possibile partecipato e funzionale alle necessità di Grassina. Un’operazione di rigenerazione urbana che amplierà l’offerta della sosta nella frazione, con grande attenzione all’inserimento ambientale e alla mobilità sostenibile, dando nuova qualità a tutta Grassina”. 

    I 160 posti auto, cui si aggiungono quelli per i motorini, saranno comprensivi di aree riservate ai disabili e baby-parking, gli stalli rosa dedicati alle mamme in attesa. Molteplici le colonnine per l’elettrico e le nuove rastrelliere per le biciclette.

    “Il parcheggio – dicono ancora il sindaco e l’assessore ai lavori pubblici – con il tempo diventerà un punto di interscambio e di confluenza per la rete delle vie verdi in corso di progettazione e delle piste ciclabili già presenti sul territorio. Sarà integrato con il paesaggio circostante grazie alla collocazione di numerose nuove alberature, che oltre a fornire ombra contribuiranno all’abbattimento delle emissioni”. 

    “Data l’importanza dell’area – spiegano ancora dall’amministrazione comunale  sottoposta a vincolo, saranno collocate oltre trenta nuove piante ad alto fusto: aceri, carpini, querce sono solo alcune delle specie autoctone individuate”.

    “Accanto a queste – proseguono – saranno piantate numerose tipologie di essenze. Il parcheggio inoltre sarà dotato di una viabilità interna realizzata con materiali e colorazioni naturali che ricordano la terra: stalli e camminamenti, ma anche il nuovo arredo urbano, risponderanno a questi principi”.

    “Tutta l’area – concludono – sarà illuminata con nuovi lampioni Led ecologici e a ridotto consumo energetico, che garantiranno un presidio di sicurezza notturna, accanto a 4-5 nuove telecamere per la videosorveglianza”. 

    Il progetto, che con il via libera della giunta è stato inserito nella programmazione dell’amministrazione, passerà al vaglio del Consiglio comunale.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...