spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 1 Luglio 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    A Bagno a Ripoli dal prossimo 1 aprile riscaldamenti spenti: in anticipo di 15 giorni sui tempi

    Il Comune: "Fare la propria parte davanti alle tensioni dovute alla guerra in Ucraina, con conseguenze sul costo degli approvvigionamenti energetici"

    BAGNO A RIPOLI – Alcuni Comuni della Città Metropolitana Firenze, dell’area omogenea fiorentina tra cui Bagno a Ripoli hanno deciso di spegnere gli impianti di riscaldamento pubblici e privati nei loro territori con quindici giorni di anticipo rispetto ai tempi consentiti, dunque dal 1 aprile 2022, ad esclusione di ospedali, case di cura cliniche, scuole e asili nido.

    Anche il Comune di Bagno a Ripoli dunque, con ordinanza n. 79 del 25 marzo 2022, prevede dal 1° aprile 2022 lo spegnimento degli impianti di riscaldamento presenti sul territorio comunale.

    “Il nostro comune – spiega il sindaco Francesco Casini – promuove e sostiene le iniziative dedicate al risparmio energetico ed all’incentivazione degli stili di vita sostenibili e questo è un gesto concreto che, anche in considerazione delle attuali tensioni geopolitiche e delle loro conseguenze sul costo degli approvvigionamenti energetici, coinvolge tutti e permette ad ogni famiglia di dare il proprio contributo”.

    “Un costo che cittadini ed imprese già sentono – aggiunge – e anche il bilancio del comune purtroppo non ne è esente con aumenti di utenze previsti nell’ordine di oltre 350.000 euro in più su base annua”.

    “Facciamo tutti quanti uno sforzo in più – conclude – non solo per i bilanci ma per un mondo più sostenibile”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...